Formula 1, la Mercedes sulla carta è la grande favorita. Ancora una volta. La Red Bull fatica a tenere il passo, la Ferrari è distante.

Sulla carta anche questo mondiale di Formula 1 potrebbe essere dominato dalla Mercedes. Dal punto di vista tecnico i dubbi a riguardo sono pochi. Hamilton e Bottas dettano legge, la Red Bull insegue e punta sul fattore Verstappen. Tra le prime della classe e le Ferrari ad oggi c’è un abisso. Ovviamente le dinamiche della gara possono stravolgere i fattori ipotetici, ma alla lunga il predominio della Mercedes dovrebbe emergere. Ancora una volta.

Formula 1, la Mercedes si conferma favorita. Il cronometro non mente

La Mercedes vanta una macchina praticamente perfetta e due piloti di spessore. Hamilton e Bottas hanno esperienza e talento. Sono complementari anche quando competono per una posizione. I numeri del cronometro consacrano ancora una volta la Scuderia della Stella, una spanna sopra tutti.

Lewis Hamilton
Monza 06/09/2019 – prove libere F1 / foto Insidefoto/Image Sport nella foto: Lewis Hamilton

Red Bull in scia, Verstappen costretto agli straordinari per tenere il passo

Come pronosticato, la Red Bull è la prima delle inseguitrici. E parliamo di una monoposto che nelle qualifiche del GP d’Austria sul giro secco ha incassato mezzo secondo circa. Su un tracciato breve. Dai non proprio rincuoranti per Max Verstappen, già consapevole di dover fare gli straordinari ogni fine settimana per rimanere in scia delle Mercedes.

Max Verstappen
Monza 06/09/2019 – prove libere F1 / foto Insidefoto/Image Sport nella foto: Max Verstappen

Una Ferrari troppo lenta per essere vera

La Ferrari dal punto di vista della messa a punto della monoposto resta nettamente distaccata dalle prime della classe, più veloci in rettilineo e più affidabili in curva. La speranza dei tifosi della Rossa è che con il lavoro delle prossime settimane si possa almeno ridurre il GAP.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
evidenza Formula 1 Mercedes motori

ultimo aggiornamento: 05-07-2020


Dl Rilancio, via libera in Commissione: le principali novità

Charles Leclerc: Sono stato fortunato ma la Ferrari tornerà forte