Sauber tra Renault e Ferrari. Il team francese in pressing sulla scuderia svizzera, ma la ‘Rossa’ pensa ad un rinnovo della partnership.

ROMA – Sauber tra Renault e Ferrari. La scuderia svizzera nei prossimi mesi dovrà sciogliere i dubbi in caso di separazione con l’Alfa Romeo. La casa automobilistica francese, come riportato da formulapassion, potrebbe decidere di dare il via ad una collaborazione tra il 2022 per dare spazio ai giovani.

La Ferrari, però, non sembra intenzionata a terminare questa partnership. L’ultima parola, come sempre, spetterà al team elvetico.

I piani della Ferrari

La Ferrari non ha nessuna intenzione di interrompere la collaborazione con la Sauber. Autosport scrive di un accordo ormai trovato tra le due case automobilistiche per un prolungamento dell’accordo fino al 2025.

Una partnership che potrebbe consentire anche all’Alfa Romeo di rimanere in Formula 1. La Rossa potrebbe nelle prossime stagioni continuare con il progetto di questi ultimi anni. Consentire ai piloti più giovani di trovare spazio e fare la propria esperienza tra i ‘grandi. E’ stato il caso di Charles Leclerc e nel 2022 potrebbe essere il momento di Mick Schumacher, anche se non sono ancora stati sciolti i dubbi.

Logo Formula 1 2020
fonte foto https://twitter.com/F1Media

La Renault ci prova

Nonostante un rapporto molto forte tra Sauber e la Ferrari, la Renault non molla la presa e valuta la possibilità di dare vita ad una nuova collaborazione. A differenza di Mercedes, Red Bull e Ferrari, il team francese non ha nessuna scuderia per far crescere i giovani.

L’ultima idea è quella del team elvetico, ma non sarà semplice convincere la Ferrari a fare un passo indietro. L’ultima parola, come sempre, spetterà alla scuderia svizzera. I ragionamenti sono in corso e i prossimi mesi saranno decisivi per capire se l’Alfa Romeo continuerà oppure lascerà. Una situazione destinata a influenzare anche la scelta della Sauber.

fonte foto copertina https://twitter.com/F1Media

Covid, l’aggiornamento del Piano Vaccini


Stellantis, Tavares fissa l’obiettivo: 39 veicoli elettrificati entro il 2021

Domenicali: “Abbiamo bisogno tutti di una Ferrari forte”