Toto Wolff sul rinnovo di Lewis Hamilton: “Siamo al lavoro. Sono certo che arriveremo alla fumata bianca”.

ROMA – Toto Wolff continua ad essere fiducioso sul rinnovo di Lewis Hamilton. “Gli avvocati stanno lavorando – sottolinea il team principal della Mercedes, riportato dall’Ansa non rendiamo loro la vita facile, ovviamente, continuando a discutere su Zoom. Lewis ora è in America e io sono qui, ma ad un certo punto arriveremo ad accordarci. Le trattative sono così, parti da angolazioni diverse, è abbastanza normale. La base del nostro legame professionale è solida, abbiamo vinto tanto insieme e vogliamo continuare a farlo. Ma a volte devi discutere le cose nei dettagli. Ci è voluto e ci vuole un po’ di tempo“.

“Non abbiamo mai giocato la carta Russell”

Il team principal della Mercedes ha escluso di aver giocato la carta Russell per mettere pressione su Hamilton: “George ha fatto molto bene con noi e presto sarà su una macchina al top. La nostra partnership è di lunga durata e non prevede azioni intimidatorie. Non abbiamo mai giocato la sua carta per convincere Lewis“.

Le trattative proseguono e non si esclude un accordo nelle prossime settimane. Ad oggi il britannico è libero e potrebbe firmare con tutte le squadre.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Logo Formula 1 2020
fonte foto https://twitter.com/F1Media

“Ho avuto il Covid”

Toto Wolff ha confermato anche la sua positività al coronavirus. Il team principal della Mercedes è stato in quarantena a Kitzbuhel dopo aver contratto il Covid-19. Le sue condizioni sono buone e nelle prossime settimane si metterà al lavoro per iniziare a programmare la stagione.

Un 2021 che, in questo momento, non vede Lewis Hamilton in pista. Il contratto con il team campione del mondo è scaduto e i dubbi non sono ancora stata sciolti. Wolff spera di convincerlo. In caso di una fumata nera, la Mercedes è pronta a riportare a casa George Russell.

fonte foto copertina https://twitter.com/F1Media


Aumenta il prezzo per l’immatricolazione delle auto nuove: i dati per il 2020

MotoGP, Andrea Dovizioso in Honda?