Formula E, Guenther ha vinto Gara-1 del GP degli Stati Uniti. Sul podio il francese Vergne e Di Grassi.

NEW YORK (STATI UNITI) – Maximilian Guenther ha vinto Gara-1 del GP degli Stati Uniti al termine di una gara molto interessante. Il tedesco è riuscito a conquistare la sua prima vittoria in stagione davanti al francese Vergne e il brasiliano Di Grassi.

Ancora una gara molto difficile per le due Mercedes. De Vries ha chiuso in tredicesima posizione, mentre Stoffel Vandoorne non è riuscito a completare la sua prova.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Le classifiche

Non cambia la classifica generale anche se il campionato continua ad essere molto equilibrato. Edoardo Mortara, nonostante i zero punti conquistati in questa prima gara negli Stati Uniti, è riuscito a conservare la prima posizione con 72 punti. Lo svizzero è stato raggiunto in classifica da Robin Frijns, mentre al terzo posto della classifica è salito il francese Jean-Eric Vergne con i suoi 68 punti. Una classifica che resta comunque molto corta e i primi sei sono racchiusi in dodici punti. Tredici se si considerano le otto posizioni.

Nel Mondiale Costruttori cambiano, invece, le prime tre posizioni. La Ds Techeetah è riuscita a conquistare la prima posizione con 128 punti. 124 per la Virgin Racing al secondo posto, mentre l’Audi (115) completa il podio dopo Gara-1 negli Stati Uniti.

MotoGP Formula 1 Formula E
MotoGP Formula 1 Formula E

La Gara-2 del GP degli Stati Uniti

Messa alle spalle la Gara-1, i piloti scenderanno in pista negli Stati Uniti per il secondo appuntamento sul circuito di New York. Ci attendiamo una gara fondamentale soprattutto in ottica futura e per il titolo iridato. La continuità in questa stagione è mancata e per questo serve un cambio di passo per provare a centrare il Mondiale.

La stagione è ormai nella sua parte finale e per questo ogni errore rischia di essere molto grave e di pesare sul futuro di questo campionato.


Formula 1, Schumacher o Bottas in Alfa Romeo nel 2022

Richard Branson vola nello Spazio (VIDEO). Si apre l’era del turismo spaziale