Francia, fiamme nel campo migranti di Grande-Synthe a Dunkirk

Aggiornamento – I vigili del fuoco, come riportato dal quotidiano Today, hanno reso noto che sarebbero almeno dieci le persone rimaste ferite in seguito all’incendio che ha devastato il campo per i migranti a Grande-Synthe a Dunkirk.

Un terribile incendio è divampato questa notte nel campo migranti di Grande-Synthe a Dunkirk, situato nel nord della Francia. Secondo le prime ricostruzioni a opera delle autorità, il rogo sarebbe conseguenza di uno scontro avvenuto tra circa 150 persone tra afghani e curdi (stando ad alcune testimonianze) ospiti della struttura. In tre sarebbero finiti in ospedale, poi la situazione sarebbe degenerata fino allo scoppio dell’incendio. Le tensioni sarebbero aumentate in seguito alla distruzione dell Giungla di Calais che ha portato a un sensibile aumento della presenza di persone afghane nel campo. Restano comunque da chiarire le dinamiche e soprattutto la natura dell’incendio stesso, dolosa o accidentale.

La polizia francese è intervenuta in tenuta anti sommossa per sedare la rissa, mentre i Medici senza frontiere hanno tratto in salvo gli altri ospiti della struttura intanto mangiata dalle fiamme. Non si segnalano al momento vittime o feriti causati dall’incendio. Il giornale Le Phare Dunkerquois parla di una serie di incendi dolosi che avrebbero distrutto almeno metà della struttura e non esclude la presenza di feriti.

ultimo aggiornamento: 11-04-2017


California, omicidio-suicidio in una scuola di San Bernardino

Turchia: esplosione a Diyarbakir, almeno quattro i feriti