Protesi al seno ritirata in Francia: alto rischio di tumore

Protesi al seno ritirata in Francia: alto rischio di tumore

La Francia ha ritirato alcune protesi al seno perché ad alto rischio di tumore. Il ministro Grillo aspetta il parere del CSS.

PARIGI (FRANCIA) – L’Agenzia Sanitaria francese ha ritirato una protesi al seno perché ad alto rischio di tumore. Si tratta di un scelta precauzionale ma al momento non è necessario l’espianto per le 400 mila (dati al 2017 n.d.r.) donne che hanno subito l’intervento. Comunque per tutte coloro che hanno inserito questo impianto è stato attivato un numero verde per avere tutte le informazioni.

Massima attenzione anche in Italia visto che ci sono 411 mila donne che hanno avuto questo intervento. Proprio per verificare la possibilità di non fare l’espianto il ministro Grillo ha chiesto un parere urgente al Consiglio Superiore di Sanità. Nei prossimi giorni dovrebbe arrivare il parere e il Ministero della Salute potrebbe emettere un comunicato per spiegare la situazione.

Giulia Grillo
fonte foto https://www.facebook.com/GiuliaGrilloM5S/

Francia, ritirate le protesi al seno. Dal 2011 59 casi di tumore

La decisione da parte dell’azienda sanitaria francese è immediata e per questo dal 5 aprile 2019 queste protesi mammarie saranno tolte dal mercato. La scelta è stata presa dopo dei controlli che hanno evidenziato una possibilità di avere una rara forma tumorale, il Linfoma anaplastico a grandi cellule.

I controlli hanno confermato che dal 2011 in Francia sono stati 59 i casi di tumore che potrebbero essere stati causati da questi protesi. Per questo motivo si sconsiglia di usare impianti mammari di tipo ruvido ma di impiantare quelli lisci. Allo stesso tempo però l’agenzia non consiglia di espiantare tutte quelle inserite dalle donne.

L’Italia segue la vicenda da molto vicino visto che oltre 400 mila donne hanno inserito questo impianto. Per questo la ministra Grillo ha deciso di fare una richiesta al Consiglio Superiore di Sanità per avere delle informazioni il prima possibile sulla vicenda ed emettere un comunicato.

fonte foto copertina https://twitter.com/zaiapresidente

ultimo aggiornamento: 04-04-2019

X