Francia, paura a Trebes: un uomo si barrica in un supermercato con ostaggi. Dichiara di essere un militante dell’Isis.

Trebes, Francia – Ancora allerta terrorismo in Francia, questa volte a Trebes, dove un uomo si è barricato in un supermercato. Qualche ora prima le autorità hanno segnalato uno scontro a fuoco tra due agenti di polizia e un individuo nella città di Carcassone, a pochi chilometri da Trebes. Nella sparatoria uno dei poliziotti è stato lievemente ferito a una spalla.

24/02 – Si è spento questa mattina Arnaud Beltrame, il gendarme che ieri si è offerto come ostaggio in cambio di una donna. Ad annunciarlo è stato su Twitter il ministro del’Interno, Gerard Collomb.

16.30 – Il terrorista è stato ucciso dalle teste di cuoio francese. Il bilancio dell’attentato nel supermercato di Trebes è di 2 morti e 3 feriti.

13.52 – Il sequestratore avrebbe richiesto la scarcerazione dell’attentatore arrestato a Parigi nelle scorse settimane.

12.55 – Sono due gli ostaggi uccisi dall’uomo barricatosi nel supermercato. Dopo il macellaio che lavorava nel negozio, il terrorista avrebbe ucciso due persone.

La situazione è critica perché l’uomo sarebbe armato di diverse bombe a mano. Il suo gesto, stando a quanto emerso, sarebbe un modo per vendicare la Siria.

Al momento l’uomo, di cui non si conosce ancora l’identità, sarebbe rimasto nel supermercato con un ufficiale della gendarmeria francese il quale si trovava nel negozio nel momento in cui l’uomo ha fatto incursione nell’edificio.

Entrato nel supermercato, l’uomo ha dichiarato di essere un militante dell’Isis. Secondo quanto riportato dagli inquirenti francesi, l’uomo ha ucciso un ostaggio, il macellaio del supermercato Super U.

La BFM TV ha trasmesso in diretta (qui il video live) le immagini del sequestro ad opera del terrorista, probabilmente legato al terrorismo islamico.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
esteri evidenza francia Isis trebes

ultimo aggiornamento: 24-03-2018


Datagate Facebook, Zuckerberg: “Troppi errori, è colpa mia”

Marcia anti armi in tutto il mondo: da New York all’Australia