È frattura in Serie A: le big lasciano il tavolo dell’Assemblea, rischio commissariamento

Serie A TIM. Finisce con un clamoroso buco nell’acqua l’Assemblea di Lega andata in scena ieri nella sede milanese, anzi, con qualche risultato (negativo) in bilancio. Di fronte all’impossibilità di raggiungere un accordo con le restanti 14 società della Serie A, i rappresentanti di Milan, Fiorentina, Juventus, Inter, Napoli e Roma hanno abbandonato la seduta creando così una netta frattura in seno all’organo.

Galliani: “Commissariamento? Ognuno tragga le sue conclusioni

Vista l’insanabile frattura con le altre squadre, Juve, Inter, Fiorentina, Napoli, Roma e Milan, che rappresentano l’80% dei tifosi italiani, hanno deciso di abbandonare l’assemblea perché è impossibile trovare una soluzione. Di sopra ci sono 14 squadre e decideranno cosa fare. Di certo non potranno decidere su questioni economiche, che sono preponderanti, perché ci vogliono 15 voti. La governance è una foglia di fico per finire ai soliti problemi economici di questa Lega. Ora l’assemblea andrò avanti, o non andrà avanti, con 14 squadre“. Queste le dichiarazioni del vice presidente e portavoce delle squadre che hanno abbandonato la seduta, Adriano Galliani, rappresentante del Milan. “Commissariamento? – ha proseguito il numero due rossonero. Traete le vostre conclusioni“.

Si aspettano dunque nuovi scenari in attesa che vengano eletti i due vicepresidenti (Cosimo Sibilia e Renzo Ulivieri), mentre si dovrà ancora attendere per l’elezione del comitato di presidenza.

La risposta di Malagò

Io non faccio il tifo per niente – ha chiosato Malagò -, tanto meno per il commissariamento della Lega Serie A. Ma il commissariamento diventerebbe indispensabile se non si dovesse arrivare a un accordo nei tempi previsti delle norme“.

TAG:
milan

ultimo aggiornamento: 23-03-2017


Closing, SES versa 20 milioni a Fininvest come acconto della terza caparra: basterà?

Milan, spunta la pista Kluivert? I rossoneri osservano il giovane figlio d’arte