Nato nel 1801 a Bayonne, Frederic Bastiat è stato uno dei più importanti esponenti della corrente giusnaturalista, nonché il precursore della scuola austriaca.

Il 24 dicembre 1850 moriva a Roma, a causa della tubercolosi, Frederic Bastiat, uno dei maggiori esponenti della filosofia liberale e giusnaturalista del XIX secolo. Aveva appena 49 anni.

L’infanzia e l’approccio all’economia

Nato a Bayonne, nella Nuova Aquitania, il 30 giugno 1801, Bastiat rimane orfano molto presto, all’età di nove anni, crescendo poi sotto la tutela del nonno. Adolescente, a sedici anni lascia la scuola per continuare l’attività di esportatore in campo agricolo che era della sua famiglia. I suoi interessi culturali cominciarono ad orientarsi verso l’economia in generale, e le questioni doganali in particolare. La sua visione in favore della libertà nel commercio internazionale: “Dove non passano le merci passano gli eserciti…“, una delle sue massime più famose.

https://www.youtube.com/watch?v=g1glR0LRT-M&ab_channel=AcademyofIdeas

Frederic Bastiat, pensiero e eredità

Nel suo pensiero si possono trovare le basi del futuro pensiero economico della scuola austriaca e del libertarismo. In una estrema sintesi si può affermare che Bastiat considerava il diritto naturale e l’utilitarismo due facce della stessa medaglia.

Considerava lo Stato inevitabile nella pratica, anche se concentrò tutti i suoi sforzi nel tentativo di dimostrare come qualsiasi intervento statale nella vita dei singoli privati fosse inefficiente, economicamente svantaggioso e fortemente immorale. Sosteneva inoltre che l’unico compito del governo era quello di proteggere i diritti di ogni individuo: la vita, la libertà e la proprietà.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
24 dicembre 1850 francia Frederic Bastiat roma

ultimo aggiornamento: 24-12-2020


Borse 23 dicembre, listini Ue chiudono in positivo trainati dalla Brexit

Amazon punta ai diritti della Formula 1