Frode in appalti delle Forze Armate, 31 misure cautelari

Frode in appalti delle Forze Armate, 31 misure cautelari

Maxi operazione delle forze dell’ordine, eseguite trentuno misure cautelari per frode in appalti delle Forze Armate. Le indagini degli inquirenti.

Sono trentuno le ordinanze di misura cautelare eseguite nei confronti di trentuno indagati nelle indagini per frode in appalti delle Forze Armate.

Frode in appalti delle Forze Armate, 31 misure cautelari

Sul registro degli indagati ci sono, come riferito dall’Ansa, diversi pubblici ufficiali delle Forze Armate e diversi imprenditori.

Degli indagati, 7 sono agli arresti domiciliari, per 5 sono scattate misure interdittive di sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio e per 19 sono scattate le misure di divieto temporaneo di contrattare con la Pubblica Amministrazione e di esercitare attività imprenditoriali.

Gli indagati dovranno rispondere a vario titolo delle accuse di frode nelle forniture, corruzione, turbativa d’asta e altro negli appalti per gli approvvigionamenti delle Forze Armate.

Carabinieri macchina
Carabinieri macchina

Le indagini degli inquirenti

Le indagini hanno portato alla luce quello che secondo gli inquirenti sarebbe un vero e proprio sistema corruttivo ben collaudato. La rete univa esponenti delle Forze Armate, tra cui ufficiali di vario grado, e imprenditori.

Gli inquirenti ipotizzano l’esiste di un vero e proprio cartello in grado di controllare parte degli appalti. Gli investigatori hanno portato alla luce il sistema avvalendosi anche delle intercettazioni telefoniche, ambientali e telematiche oltre che di servizi di osservazione e pedinamento di alcuni soggetti ripetutamente coinvolti

Il sistema sarebbe stato finalizzato a turbative d’asta e frodi negli appalti. Secondo quanto riferito dall’Ansa si tratterebbe di un giro da diciotto milioni e mezzo di euro circa.

Nelle indagini, come riportato dall’Adnkronos, sono emersi “autonomi e distinti episodi delittuosi commessi da Ufficiali dell’Aeronautica Militare che si pongono in condizione di stabile asservimento ad interessi privati“.

ultimo aggiornamento: 09-07-2020

X