Volete effettuare un’erogazione liberale nei confronti di una Onlus? Volete sapere come funzionano? Qui vi spieghiamo anche quanto si può detrarre

Le erogazioni liberali nei confronti delle Onlus hanno la possibilità di essere detratte, in maniera diversa a seconda se vengano effettuate da una persona fisica o da un’impresa. I contribuenti, che effettuino una donazione, possono scegliere tra le due agevolazioni disponibili.

COME FUNZIONANO LE DONAZIONI ALLE ONLUS PER LE PERSONE FISICHE?

Per le persone fisiche, ovvero gli imprenditori individuali, i lavoratori autonomi e i soci delle società di persone, le erogazioni liberali verso le Onlus possono essere detratte in due misure. La prima prevede che la deducibilità sia nel limite del 10% del reddito dichiarato, ma con il limiti di 70 mila euro annui; la seconda, invece, prevede la detrazione del 26% su un limite massimo di 30 mila euro, nel quale sono comprese anche le donazioni in denaro a favore delle popolazioni colpite da eventi naturali.

INVECE PER LE AZIENDE?

Diversa è la deducibilità per le donazioni alle Onlus effettuate dalle imprese, perché queste, che siano società di capitali, cooperative, consorzi o enti pubblici e privati, possono detrarre o il 10% del reddito complessivo, oppure il 2% del reddito d’impresa, fino a un massimo di 30 mila euro. Ma le imprese possono detrarre anche, dall’Ires, le spese sostenute per assumere lavoratori a tempo indeterminato, impegnati nei servizi erogati a favore delle Onlus.

 

QUALI ALTRE CONDIZIONI CI SONO?

Rimane il fatto, importantissimo, che per poter ottenere la deducibilità sarà necessario che il versamento venga eseguito tramite bonifico o assegno bancario e postale. Per le erogazioni liberali effettuate con carta di credito sarà opportuno, invece, mantenere la ricevuta fiscale.

certificato_unicasim


Compilazione modello 730 congiunto

Tfr in Busta Paga, la Legge del Governo in materia Fiscale per il 2017