Investire in titoli sicuri per poter contare su introiti costanti

Come funzionano le obbligazioni? I titoli da cui partire per cominciare una proficua carriera da investitore.

Cosa sono le obbligazioni e cos’è il rating?

Le obbligazioni sono titoli di credito che vengono emessi da enti  che, per diversi motivi, necessitano di liquidità. Che venga emessa da Stati che sperano di risanare la propria economia, o da aziende private che intendano operare investimenti per incrementare i propri introiti, un’obbligazione è sempre un prestito che un privato fa ad un soggetto finanziario.

Il capitale iniziale verrà restituito dall’emittente allo scadere dell’obbligazione, generalmente in un’unica soluzione. Nel frattempo però, per tutta la durata del titolo, l’emittente verserà all’investitore degli interessi sul capitale avuto in prestito. Tali interessi possono essere fissi o determinati da parametri variabili, legati ad attività subordinate all’obbligazione emessa (si parla in questo caso di obbligazioni strutturate) e, in generale, possono essere alti o bassi.

A determinare il tasso di interesse fornito da un’obbligazione concorre in maniera fondamentale il rating dell’ente emittente il titolo. Il rating è la misura della solvibilità dell’emittente, della sua stabilità finanziaria, della sua affidabilità. Esistono diverse agenzie di rating al mondo, ma esprimono giudizi sempre grossomodo omogenei. Più un emittente è affidabile (gode cioè di un rating alto), più sicuro sarà l’investimento. Con un fattore di rischio basso naturalmente saranno bassi anche gli interessi assicurati sul capitale iniziale. Più pericoloso sarà l’investimento (ovvero maggiore sarà il rischio di non vedersi restituito nemmeno il capitale iniziale) maggiore saranno gli interessi promessi, proprio per attirare gli investitori.

Come funzionano le obbligazioni?

Esistono titoli obbligazionari di tipo molto differente. Alcuni sono più adatti a investitori che stanno avvicinandosi per la prima volta al mondo della finanza e sono indicati come plain vanilla. Le obbligazioni con cedola fissa forniscono periodicamente un tasso fisso di interesse sul capitale iniziale, che verrà poi restituito allo scadere del titolo; le obbligazioni a tasso variabile offriranno interessi influenzati dall’andamento di alcuni parametri del mercato finanziario; le obbligazioni zero coupon non forniranno alcuna cedola: l’introito sarà assicurato dalla differenza tra prezzo di acquisto  (in genere più basso del valore effettivo del titolo) e il prezzo di rimborso.

Le obbligazioni strutturate sono ritenute leggermente meno sicure rispetto a quelle plain vanilla, e per questo assicurano introiti maggiori. Si tratta di obbligazioni il cui interesse viene calcolato in base all’andamento di alcuni elementi prestabiliti: indici di mercato, azioni, tassi di cambio, inflazione. 

certificato_unicasim


Le obbligazioni a cedola minima

Marchionne: “Fusione con Gm? Aspetto Volkswagen. Lascerò Fca nel 2018”