G20: compromesso su commercio, gli Usa ancora fuori da accordi sul clima

La cancelliera Merkel: “Dove non c’è consenso bisogna esprimere dissenso“. Gentiloni: “È stato un G20 realistico“.

chiudi

Caricamento Player...

È terminato senza grandi sussulti il G20 di Amburgo, vissuto soprattutto sul faccia a faccia tra Trump e Putin, che ieri ha portato a un’intesa sulla Siria. “Sul clima ci siamo resi conto che dove non c’è un consenso bisogna esprimere il dissenso nel comunicato. Sappiamo che gli Usa hano detto che vogliono uscire dall’accordo sul clima, ma io sono lieta di dire che tutti gli altri sono concordi sul fatto che non si possa tornare indietro“, così la cancelliera Merkel al termine del meeting.

G20, Merkel: “Manterremo i mercati aperti

Ha quindi proseguito la cancelliera Merkel: “Manterremo i mercati aperti e il riconoscimento del significato del commercio come vantaggio reciproco“. Sostanzialmente, i leader del G20 hanno chiarito di voler mantenere i mercati aperti e di voler combattere protezionismo e pratiche scorrette.

G20, Gentiloni: “L’Italia ha bisogno di aiuto sui migranti

Il premier Gentiloni si è così espresso al termine del meeting: “È stato un G20 realitstico. Il G20 si pronuncia contro il protezionismo e i comportamenti scorretti nel commercio, anche se forse rispetto al documento di Taormina c’è qualche concessione in più per quanto riguarda le misure difensive adottate da singoli Stati. I Paesi impeganti a salvare e accogliere i migranti non vanno lasciati soli. L’Italia rivendica il lavoro fatto in questi anni, ma questo impegno o è una sfida globale o alla lunga è difficile da sostenere. Non mi aspetto conversioni improvvise, ma l’attenzione di tutti sul fatto che l’Italia sta facendo uno sforzo importantissimo, che rivendico a testa alta sul terreno del salvataggio e dell’accoglienza. Ma contemporaneamente i nostri vicini sanno che questo sforzo non può essere illimitato e fatto solo da noi“.