Il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa fa un bilancio della due giorni in Canada: “Il presidente Trump è stato molto cordiale”.

CHARLEVOIX (CANADA) – Si è conclusa una due giorni molto impegnativa per il premier Giuseppe Conte. Al termine del G7 il presidente del Consiglio ha tratto un bilancio in conferenza stampa: “Per me – ha esordito – il bilancio è molto positivo. Il presidente Trump è stato molto cordiale. Si è congratulato ed ha espresso grande entusiasmo per questo nuovo governo“.

Immediata la risposta del numero uno della Casa Bianca che su Twitter scrive: “Ho appena incontrato il nuovo primo ministro italiano Giuseppe Conte, davvero un bravo ragazzo. A breve sarà ricevuto con tutti gli onori a Washington. Farà un grande lavoro. Gli italiani hanno fatto bene“.

Io – ha continuato il premier nel suo discorso – non rinuncio alle mie prerogative. Con Salvini e Di Maio ho un ottimo rapporto ma mi assumo la piena responsabilità“.

Conte e Trump
Fonte foto: https://www.facebook.com/GiuseppeConte64

G7, il premier Conte in conferenza stampa: “I dazi ci svantaggio. Mi auguro la presenza della Russia al G8”

Nella conferenza stampa il premier si è soffermato anche sui dazi: “Una scelta – ha ribadito Conte – che ci svantaggia. Il problema degli scambi commerciali è stato quello che ha creato maggiori problemi in questi due giorni, anche perché alcune dichiarazioni hanno creato molte polemiche inutili“.

Chiusura finale sulla questione della Russia: “Noi abbiamo espresso la nostra posizione. Riteniamo che sia un Paese che ha un ruolo cruciale in molte questioni internazionali e nella geopolitica odierna recita sicuramente una parte fondamentale da cui non si può prescindere. Mi auguro che quanto prima Mosca si possa sedere a un tavolo G8 insieme a noi“.

Di seguito il video con la conferenza stampa del premier Giuseppe Conte

In diretta da Charlevoix la conferenza stampa conclusiva del G7

Pubblicato da Giuseppe Conte su Sabato 9 giugno 2018


Luigi Di Maio: “Interverremo sulle pensioni d’oro”

Amministrative 2018, italiani al voto: le sfide principali a Ancona, Messina e Catania