Il sottosegretario con delega alla Sicurezza nazionale, Franco Gabrielli, ha commentato il rischio di un’escalation degli attacchi hacker.

La cybersecurity è una delle nuove priorità di tutti i Governi. Sia nel settore pubblico che nel settore privato, è fondamentale che si riesca a garantire sicurezza dal punto di vista informatico. Ebbene, il segretario con delega alla Sicurezza nazionale, Franco Gabrielli, ha parlato della questione cybersecurity in Italia. Lo stato rischia sempre più attacchi hacker, la cui portata potrebbe intensificarsi. Queste le parole di Gabrielli in merito alla questione.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le dichiarazioni di Gabrielli

Si rischia, dunque, un’escalation degli attacchi hacker contro le aziende italiane? “È nelle cose e dobbiamo prepararci”. Queste le parole di Franco Gabrielli, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla Sicurezza nazionale, intervistato da ‘In Vivavoce’ su Rai Radio1.

“Un ruolo fondamentale dell’informazione sia quello di centrare le questioni: quelli a cui stiamo assistendo in queste ore – ha commentato Gabrielli – sono attacchi Ddos, che hanno l’obiettivo principale di creare disservizi ma che non hanno nulla a che vedere con attacchi che possono invece incidere sulla salvaguardia dei dati e sulla funzionalità dei sistemi. Bisogna sempre immaginare che il sistema che è fatto di istituzioni e cittadini abbia anche una sorta di resilienza psicologica.

hacker
Hacker

“Se creiamo un clima di disfattismo per un attacco di Ddos – ha evidenziato il sottosegretario – allora comincio a preoccuparmi quando gli attacchi saranno più significativi. Non è escluso che avverrà”. Il monito di Gabrielli è legato all’attacco hacker avvenuto nei confronti di vari portali istituzionali italiani, rivendicato dal collettivo di hacker russo Killnet. Secondo Gabrielli, la differenza non la fa solo l’attaccante ma anche la capacità dell’attaccato. Un po’ di tempo lo abbiamo perduto, i livelli e gli standard non sono così performanti. Bisogna graduare il livello di attenzione”, ha inoltre detto Gabrielli.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 20-05-2022


New York Times: “La vittoria di Kiev non è realistica”

Resa ucraina: “Azovstal è caduta”