Gaetano Scirea moriva il 3 settembre 1989 in Polonia, dove era stato per visionare gli avversari europei della Juventus. Aveva appena 36 anni.

Era il 3 settembre 1989 e Gaetano Scirea stava raggiungendo l’aeroporto di Varsavia per prendere l’aereo che lo avrebbe riportato a Torino in serata.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Vice-allenatore della Juventus

L’ex capitano bianconero si era ritirato nel 1988 rimanendo nel mondo Juventus, in qualità di vice-allenatore di Dino Zoff, suo grande compagno anche in Nazionale. Nell’estate ’89 gli era stata offerta la panchina della Reggina, in Serie B, ma alla fine Scirea aveva deciso di rimanere alla Vecchia Signora.

Gaetano Scirea in Polonia

Per il primo turno di Coppa Uefa, il sorteggio aveva combinato lo scontro con il Gornik Zabrze, squadra polacca di modesta caratura. In ogni caso, la dirigenza della Juventus confermò che un membro dello staff andasse a visionare dal vivo i prossimi avversari. E così Scirea si diresse il 2 settembre in Polonia.

L’incidente a Babsk

Durante il viaggio di ritorno verso Varsavia, in direzione aeroporto, accompagnato da un autista locale, da un interprete e da un dirigente del Gornik, la vettura su cui era a bordo fu tamponata da un furgone nei pressi di Babsk. L’impatto non fu violentissimo ma causò un rapido incendio a causa delle taniche di benzina che erano state stipate nel bagagliaio in caso di necessità. Dei quattro occupanti si salvò solo il dirigente della squadra polacca che, seduto sul sedile anteriore, ed essendosi aperto lo sportello alla sua destra durante il tamponamento, poté uscire dal veicolo. Per Scirea, l’autista e l’interprete il rogo fu fatale, visto che, in base agli esiti dell’autopsia, non avevano riportato lesioni nell’impatto. Scirea fu soccorso e trasportato presso un ospedale vicino ma, a causa delle gravi ustioni riportate, i medici non poterono fare altro che constatarne il decesso.

L’annuncio della scomparsa

La notizia della scomparsa di Gaetano Scirea giunse in Italia in serata: Sandro Ciotti lo comunicò alla Domenica Sportiva, suscitando lo sgomento degli ospiti in studio, tra cui vi era il suo ex compagno di squadra Marco Tardelli.

https://www.youtube.com/watch?v=vLSrMaauwEU

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 03-09-2021


Qual. Mondiali 2022, l’Italia riparte con un pareggio contro la Bulgaria

Lavoratori a nero nel suo stabilimento balneare, multato Federico Bernardeschi