Galantino, segretario Cei: “Ius Soli tema importante, basta gazzarre ignobli in aula”

Calderoli risponde: “Stupisce la presa di posizione della Cei. I vescovi pensino agli italiani disoccupati e senza casa…“.

chiudi

Caricamento Player...

Fuori e dentro le aule del Parlamento, lo Ius Soli continua a far discutere. Sulla questione è intervenuto oggi il segretario generale della Cei, monsignor Nunzio Galantino. Queste le sue parole, riportate dall’Ansa: “Siamo preoccupati per come si sta affrontando questo problema, persino con gazzarre ignobili in Aula. Sono temi molto importanti. Ci sta che qualcuno sia contrario, ma vedo che c’è chi ha cambiato idea e ora fa politica unicamente per rincorrere il proprio successo, perché vuol fare solo il proprio interesse“.

Calderoli risponde alla Cei: “Stupisce questa presa di posizione

La Lega non ci sta, e risponde all’invocazione di monsignor Galantino tramite Roberto Calderoli: “Stupisce la netta presa di posizione della Cei, che invoca l’apporvazione della legge che introduce Ius Soli e Ius Culturae e regala la cittadinanza ad almeno un milione di immigrati, anche se potrebbero essere il doppio. Stupisce perché raramente dalla Cei abbiamo sentito prese di posizione altrettanto dure davanti a problemi che affliggono gli italiani. Cari vescovi, pensate agli italiani senza lavoro, casa e pensione dignitosa e lasciate che sia il Pd a pensare a coltivarsi il bacino elettorale degli immigrati…“. Sulla stessa linea anche il leader del Carroccio, Matteo Salvini: “Il Pd è l’unico partito veramente razzista presente in Parlamento. La sinistra ha bisogno di nuovi elettori o nuovi schiavi o nuovi iscritti ai sindacati. Gli stessi immigrati regolari in Italia chiedono più sicurezza, meno tasse e migliori ospedali e non la ‘targhetta’ della cittadinanza“.

Ius Soli, Gasparri: “Legge demagogica

Anche il vicepresidente del Senato, Maurizio Gasparri, ha criticato la legge sullo Ius Soli: “Dal governo arrivano affermazioni francamente risibili se non addirittura deliranti. Chi apre indiscriminatamente le porte del nostro Paese, chi come le Ong trasporta clandestini in Italia, chi fa le politiche di Renzi, Gentiloni e del Pd è un razzista perché apre la strada a forme di sfruttamento e speculazione. Si spendono circa cinque miliardi per gli stranieri e si negano risorse indispensabili agli anziani e ai disoccupati. La legge sullo Ius Soli è una follia contro la quale ci opporremo. Esortiamo chi parla già di referendum a fare una battaglia in Parlamento contro questa legge, senza arrendersi. Noi ci battiamo in nome della democrazia, della libertà, di una giusta integrazione contro questa scelta folle, demagogica e suicida“.