Adriano Galliani tra politica e pallone: “Spero che Gattuso mi voti”

L’ex amministratore delegato del Milan, Adriano Galliani: “Che errore cacciare Tavecchio“.

Adriano Galliani, intervistato dal Corriere della Sera, si è esposto a trecentosessanta gradi sugli argomenti di sua competenza, dal calcio alla politica. Queste alcune delle sue dichiarazioni: “Divergenze con Berlusconi? Ma quali divergenze! Silvio Berlusconi e io per trenun anni abbiamo condiviso ogni scelta. Io debuttante in politica? A parte il fatto che gli anni passati in Lega calcio sono stati un’esperienza politica non da poco, se parliamo di politica in senso stretto, una vita fa fui candidato per la Dc a Monza. Era il 1975, fu un’esperienza interessante. Berlusconi mi chiese di candidarmi già nel ’94, ma l’impegno politico era secondo me incompatibile con quello del Milan. Ora il Milan non c’è più, è tornato alla carica. Gli piacciono gli uomini del fare“.

Adriano Galliani e la politica sportiva

L’ex ad esclude un futuro da ministro dello sport: “Non è mia ambizione assoluta fare il ministro, ma mi piacerebbe occuparmi di sport. Di certo non sarò uno che andrà in Senato solo per votare. Quanto al calcio, è un momento difficile. La mancata qualificazione ai Mondiali, un insuccesso sportivo inaspettato che può capitare, ha provocato un terremoto dettato più dalla pancia che dalla testa: penso che l’uscita di scena del mio amico Carlo Tavecchio sia stata un errore, perché dopo aver fatto molte cose buone paga il palo di Darmian“. Galliani ha quindi commentato la scelta di Costacurta come vice commissario Figc: “È un altro allievo della grande scuola Milan che ottiene, meritatamente, un ruolo di prestigio. Sono sicuro che farà bene“.

Galliani su Gattuso: “Faccio il tifo per lui, è un amico

L’ex amministratore delegato ha quindi parlato del tecnico del Milan, Gattuso: “Se mi voterà? Lo spero perché, essendo residente a Gallarate, lo può fare. In ogni caso faccio un grande tifo per l’allenatore del Milan, un mio amico. Berlusconi meglio come presidente del Consiglio o del Milan? Il 18 maggio del ’94 Silvio Berlusconi otteneva la fiducia al Senato e il suo primo governo, proprio mentre il Milan, di cui era presidente, vinceva la Coppa dei Campioni ad Atene. Insomma, è stato un eccellente premier e il più grande presidente del Milan di tutti i tempi“.

ultimo aggiornamento: 18-02-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X