Gazzetta, parla il presidente del Milan Scaroni: “Martedì vado ad audizione Uefa”

Paolo Scaroni ha rilasciato una lunga intervista alla Gazzetta, in cui tra le altre cose, ha anche fatto il punto sulla sentenza Uefa in arrivo

C’è grande attesa per quel che deciderà la federazione calcistica europea in merito alle possibili sanzioni che possono piovere sul Milan, colpevole di aver infranto le regole sul fair play finanziario. La scorsa estate l’Uefa si era pronunciata con l’esclusione dalle Coppe europee: sentenza poi ribaltata dal TAS di Losanna, col cambio di proprietà che era stato in tal senso decisivo, rimandando dunque la palla ad una nuova audizione presso l’Uefa. Il presidente rossonero Scaroni ha chiarito quali saranno i passaggi, soffermandosi anche sul mercato.

Scaroni: “Ci auguriamo che tutto vada per il verso giusto”

Vado in Svizzera lunedì, l’audizione sarà martedì mattina alle nove e mezza. In queste ore – precisa il massimo dirigente del Milan alla Gazzetta – invieremo tutta la documentazione e ci auguriamo che ogni cosa proceda per il verso giusto“.

A decidere saranno i magistrati della corte europea, totalmente indipendenti. In più – ricorda il presidente – non hanno un compito difficilissimo. Sul fatto che nel periodo 2014-2017 la società abbia violato i vincoli del Fair Play Finanziario, infatti, le parti concordano. Va solamente stabilita una sanzione proporzionata alla colpa, così come ha chiesto il TAS di Losanna“.

Paolo Scaroni
Fonte foto: https://www.facebook.com/MilanoRossonera/

Scaroni: “Mercato? Bisogna puntare sui giovani”

L’Uefa ha fatto bene a dotarsi di questo meccanismo di controllo – sottolinea Scaroni in merito al Financial Fair Play – anche se certi meccanismi devono essere affinati. In casi come il nostro è difficile star dentro a certi parametri: se vuoi competere ad alti livelli, devi investire“.

Il segreto è dunque quello di “puntare sui giovani, crescerli a zero euro e rivenderli a 30-40 milioni. Questo è il modo migliore per realizzare profitti che poi ti permettono di fare altri acquisti. E i tifosi capirebbero“.

ultimo aggiornamento: 16-11-2018

X