Gb, Francia e Germania accusano l’Iran di ripetute violazioni degli accordi sul nucleare. Assist al presidente statunitense Donald Trump.

Regno Unito, Francia e Germania accusano l’Iran di aver ripetutamente violato le norme dell’accordo sul nucleare. Un assist per il presidente Usa Donald Trump, che negli ultimi giorni ha ripetutamente sfidato Teheran assicurando che gli iraniani non avranno mai la bomba atomica.

Gran Bretagna, Francia e Germania accusano l’Iran di aver violato gli accordi sul nucleare

La denuncia arriva dall’Alto rappresentante della politica estera Ue, Josep Borrell, che ha riportato l’accusa di UK, Francia e Germania, secondo cui l’Iran avrebbe ripetutamente violato gli accordi sul nucleare.

I tre stati europei hanno pubblicamente manifestato le proprie preoccupazioni. Le tre nazioni hanno pero ribadito di non voler supportare gli Stati Uniti, intenzionati a sottoporre l’Iran a una massiccia pressione economica.

La denuncia avrebbe quindi un carattere costruttivo e servirebbe a riaprire una pista per il dialogo che possa portare a una distensione tra le parti. Lo scopo è ovviamente quello di evitare uno stress legato alla minaccia nucleare.

Accordo Uranio Iran
Fonte foto: https://it.wikipedia.org/wiki/Accordo_sul_nucleare_iraniano/Bundesministerium für Europa, Integration und Äusseres

Le minacce di Teheran

Nelle ore successive all’attacco statunitense che ha portato alla morte del Generale Soleimani, l’Iran aveva fatto sapere di essere intenzionata ad uscire dall’accordo stipulato per procedere con un rilancio dei lavori per l’arricchimento dell’uranio. La minaccia neanche tanto velata era quella di iniziare una nuova corsa al nucleare. In diverse occasione il presidente Donald Trump ha sfidato apertamente Teheran facendo sapere che l’Iran non arriverà mai a dotarsi dell’atomica.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
cronaca evidenza Iran politica teheran

ultimo aggiornamento: 15-01-2020


Migranti, Lamorgese: ‘Ampliare le concessioni di permessi umanitari e multe più basse per le Ong’

Il Pd non demorde e rilancia l’alleanza con il M5s: no di Di Maio