Gentiloni: “La legge di bilancio non sarà depressiva”

Il presidente del Consiglio dopo il via libera al Def: “Quadro positivo grazie alle riforme varate dal governo Renzi e dal nostro“.

chiudi

Caricamento Player...

Paolo Gentiloni ha commentato il via libera all’aggiornamento del Def. Queste le sue parole, riportate dall’Ansa: “Il quadro è positivo, abbiamo numeri di crescita più alti e più stabili. I risultati economici che sono stati resi possibili dalle riforme varate dal governo Renzi e che noi abbiamo proseguito ci hanno consentito una discussione con l’Ue che ha portato margini favorevoli di finanza pubblica e che ci porterà a proporre al Parlamento una legge di bilancio non depressiva, che non sarà un freno alla tendenza positiva dell’economia. Sappiamo che il lavoro deve continuare sia sul lato controllo della spesa pubblica che per le riforme. Non è il momento di sperperare o buttare alle ortiche gli impegni profusi in questi anni, ma dobbiamo prendere atto che il percorso ha dato i suoi frutti“.

Gentiloni: “Governo non deve temere Parlamento

Prosegue quindi il presidente del Consiglio: “Il governo per definizione non solo non deve temere il Parlamento, ma deve averne fiducia. Senza non si lavora. Non c’è dubbio che noi ci presentiamo con un quadro positivo, immaginiamo che dal punto di vista del rapporto con l’opinione pubblica e con il Parlamento questa positività del quadro venga recepita in modo rilevante. Discuteremo poi le diverse misure delal legge di bilancio, come è normale“. Il premier ha quindi parlato anche della questione previdenza: “Dei margini per discutere ci sono sempre, ma non per fare un’operazione generalizzata. Valuteremo delle operazioni puntuali e penso che il governo abbia un atteggiamento di totale rispetto delle parti sociali, così come con le diverse componenti della maggioranza. Dopo di che sappiamo quali siano le cifre globali del nostro debito e quelle del sistema pensionistico, e siamo aperti alla discussione, ma credo sia chiaro quali sono i confini“.