George Shultz è morto all’età di 100 anni. E’ stato Segretario di Stato con Ronald Reagan. Ecco chi era.

WASHINGTON (STATI UNITI) – George Shultz è morto all’età di 100 anni. La notizia della scomparsa del Segretario di Stato del governo Reagan è stata data dai familiari e riportata dal Corriere della Sera. Non sono state rese note le cause del decesso.

Una morte che chiude una pagina di storia americana. Shultz è stato un punto di riferimento della politica economica ed estera della Casa Bianca per oltre un decennio. Il suo passo indietro da questo mondo è arrivato nel 1989.

Chi era George Shultz

George Shultz è uno dei pilastri della politica americana. E’ stato Segretario di Stato con Roland Reagan e uno dei punti di riferimento per le scelte economiche ed estere della Casa Bianca nel periodo che è stato nella politica.

In economia il politico ha preso parte al piano Nixon, progetto che ha portato al superamento del sistema economico. Inoltre, è riuscito a varare le prime tutele assistenziali e garanzie sul salario minimo. Per quanto riguarda la politica estera, invece, è stato protagonista dell’avvicinamento tra Washington e Mosca.

E’ stato lui il primo a capire il pensiero diverso di Gorbaciov rispetto agli altri leader russi e da qui il consiglio a Reagan di attuare una linea più morbida con la Russia. Un ruolo, quindi, molto importante nella politica americana.

Casa Bianca
Casa Bianca

George Shultz morto

La morte del politico americano è avvenuta domenica 7 febbraio 2021. Massimo riserbo sulle cause del decesso. Con la sua scomparsa si chiude una pagina di storia degli Stati Uniti.

I funerali si svolgeranno nel rispetto delle norme anti-Covid, ma non si esclude che, al termine della pandemia, la Casa Bianca non possa organizzare insieme alla famiglia una commemorazione per Shultz, uno dei punti di riferimento della politica economica ed estera degli anni ’90 degli Stati Uniti.


Crisi di governo, Zingaretti: “Rispetto la posizione della Lega e chiedo coerenza”

Crisi di governo, Conte: “Non entro nell’esecutivo”