Germania, accordo sui migranti: la Grosse Koalition regge

La Germania supera le tensioni all’interno del Governo Merkel sulla questione dei migranti. L’accordo tra Cdu, Spd e Csu mette fine all’ipotesi di crisi scatenata dalle posizione del ministro Seehofer.

BERLINO – La questione dei migranti ha agitato le acque all’interno del Governo della Germania. In particolare, la dura posizione del ministro dell’Interno, Horst Seehofer, sembrava poter mettere a rischio la tenuta dell’Esecutivo Merkel.

Accordo nella Grosse Koalition

I tre partiti al Governo (Cdu, Spd e Csu) hanno infatti trovato l’accordo sui migranti, concordando un pacchetto contro l’immigrazione illegale e sulle politiche di asilo. I centri voluti dal ministro bavarese Seehofer sono stati trasformati in centri di trasferimenti dopo un lungo e faticoso compromesso: saranno presso le stazioni di polizia e vi saranno collocati solo coloro che hanno già chiesto asilo in un altro Paese. I migranti che faranno tappa nei centri-trasferimento potranno essere fermati per non oltre 48 ore dalla polizia, e rimandati indietro nei Paesi di competenza, ma sempre solo sulla base di accordi con questi. Altrimenti entreranno in Germania.

Angela Merkel
fonte foto https://www.facebook.com/AngelaMerkel/

Soddisfatta la Spd

I socialdemocratici, attraverso il presidente Nahles, hanno espresso grande soddisfazione sui migranti: “Non ci sarà alcuna fuga in avanti nazionale, non ci saranno respingimenti alla frontiera e non ci saranno campi. Ci sarà un regime accelerato dei procedimenti di asilo alla frontiera, che non prevede il cambiamento delle regole vigenti“. Resta da vedere ora come gli altri paesi europei accoglieranno l’accordo del governo tedesco che di certo non sembra agevolare le trattative per la risoluzione del problema dei migranti e rischia di alzare la tensione di fronte alla prossima nave  che approderà in Europa.

ultimo aggiornamento: 06-07-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X