Germania, sventato attentato in centro commerciale Oberhausen

Poteva esserci un’altra strage in Germania, dopo l’attentato ai mercatini di Natale di Berlino, ma la polizia tedesca ha arrestato i due possibili killer.

chiudi

Caricamento Player...

Stavano pianificando un attentato in Germania, nella città di Oberhausen, in un centro commerciale: due fratelli originari del Kosovo, di 28 e 31 anni, sono stati arrestati dalla polizia tedesca.
I due fratelli sono stati fermati nella città di Duisburg e stavano preparando un attacco di vaste proporzioni. Le autorità non hanno reso noto, forse perché ancora in corso di indagine, se i due fratelli fossero legati in qualche modo ad Anis Amri, il super-ricercato tunisino ancora in fuga dopo la strage del tir a Berlino.

CentrO Oberhausen

Il teatro della nuova strage sarebbe stato il CentrO Oberhausen, uno dei più vasti centri commerciali dell’intera Germania, con più di 250 negozi. Il centro commerciale, soprattutto nel periodo natalizio, conta un elevatissimo numero di visitatori e clienti, e un attentato lì avrebbe causato un numero imponente di vittime.

In un comunicato diramato dalla Polizia tedesca si legge:

“Allo stato attuale stiamo determinando fino a che punto i preparativi erano progrediti e se più persone sono coinvolte”.

Dopo la soffiata ricevuta dai servizi segreti, la polizia tedesca è stata mandata al centro commerciale dove l’attentato è stato sventato nella serata di giovedì. L’allerta nel Paese e soprattutto nei luoghi di maggior concentrazione di gente è massima. Le indagini continuano, per sapere se i due fratelli stavano agendo da soli o se avevano complici. Nel frattempo prosegue anche la disperata caccia all’altro attentatore, di cui sono state diffuse immagini, riprese da una videocamera di controllo, dopo l’attentato.