Gerusalemme, Erdogan contro Trump: “Riconosciamola come capitale della Palestina”

I Paesi islamici si sono ritrovati in Turchia in un summit per parlare della situazione Gerusalemme: “Riconosciamola come capitale della Palestina”.

ISTANBUL (TURCHIA) – I Paesi islamici contro Donald Trump. All’inizio del vertice dell’OIC (Organizzazione della cooperazione islamica) ad Istanbul, il presidente della Turchia, Tayyip Erdogan parlato della situazione di Gerusalemme: “Dobbiamo riconoscere – dichiara – lo Stato di Palestina con i confini del 1967, liberandoci dall’idea che questo sia un ostacolo di pace e Gerusalemme come capitale dello Stato occupato di Palestina. Almeno 196 Paesi dell’ONU sono contro la decisione di Donald Trump e Gersualemme è la nostra linea rossa“.

Da Abu Mazen a Rohani: tutti contro Donald Trump

Contrario alla decisione di Donald Trump anche il presidente della Palestina, Abu Mazen, che al summit odierno ha dichiarato: “D’ora in poi i palestinesi non accetteranno più alcun ruolo di mediazione degli USA nel processo di pace in Medio Oriente”. Della stessa idea anche il numero uno iraniano, Hassan Rohani: “Siamo pronti a cooperare con tutti i Paesi islamici senza alcuna riserva o precondizione per la difesa di Gerusalemme“. Nel suo intervento ha lanciato anche un appello all’unità islamica contro il pericolo del regime sionista di Israele. In conclusione si è detto convinto che “i problemi tra i Paesi islamici possano essere risolti attraverso il dialogo“.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 13-12-2017

Francesco Spagnolo

X