Gianluca Vialli nello staff di Mancini come capo delegazione: “La mia salute non condizionerà la squadra”. E tiene aperta la porta alla Samp.

ROMA – Gianluca Vialli nello staff di Mancini come capo delegazione. A meno di 48 ore dalla sfida contro la Grecia (che potrebbe valere il pass per l’Europeo) l’ex attaccante ha annunciato il suo ritorno in Azzurro da novembre: “Ringrazio il presidente Gravina che mi ha aspettato. Io sto bene e sono pronto per questa nuova avventura. A breve mi vedrò con la FIGC per chiarire meglio il mio ruolo. In questo momento ci sono i presupposti per dire di sì“.

Un ruolo fondamentale l’ha avuto Mancini: “Gli ho detto che sarei felice di dargli una mano. Gravina ne aveva parlato prima con lui e con Roberto mi sento in buone mani. Secondo me si stanno costruendo le basi per ritornare a vincere. Sono qui a Roma per vedere come funzionano le cose e dal prossimo raduno potrei seguire la Nazionale in altre vesti“.

Porte aperte alla Samp

L’incarico con l’Italia non preclude l’acquisto della Sampdoria: “Io penso che i due ruoli siano compatibili. Fino a questo momento non c’è stato l’accordo con Ferrero. Io l’ho sempre trattata come una cosa riservata e mi dispiace che questo abbia condizionato i risultati della squadra ma non sono stato io a parlarne in televisione”. E non chiude la porta alla riapertura della trattativa: “Non posso rispondere“.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Gianluca Vialli
Gianluca Vialli

Italia con la Grecia per la qualificazione

C’è grande attesa all’Olimpico per l’Italia di Mancini. Una vittoria consentirebbe agli Azzurri di ottenere il pass per i prossimi Europei con diverse giornate di anticipo. Un traguardo importante visto quanto successo negli anni precedenti. E la festa potrebbe continuare con il ritorno in Nazionale di Gianluca Vialli come capo delegazione. La trattativa è a buon punto e presto ci potrebbe essere la tanto attesa fumata bianca.

TAG:
calcio news

ultimo aggiornamento: 11-10-2019


Rodriguez: “In panchina per tre partite, ma tutto può cambiare”

San Siro, Milan e Inter lanciano sondaggio anti-ristrutturazione!