Gianluigi Colalucci è morto all’età di 92 anni. E’ stato il restauratore della Cappella Sistina.

ROMA – E’ morto all’età di 92 anni Gianluigi Colalucci, il restauratore della Cappella Sistina. A dare l’annuncio della scomparsa sono stati i Musei Vaticani con un breve annuncio sui social.

E’ deceduto nella notte tra il 28 e il 29 marzo il maestro Gianluigi Colalucci – si legge nel post – fu lui che diresse i lavori di restauro degli affreschi di Michelangelo nella Cappella Sistina, da molti considerato il restauro del secolo. E’ grazie al suo coraggio e al suo talento se oggi i colori della Volta e del Giudizio Universale di Michelangelo appaiono in tutto il loro folgorante splendore“.

Chi era Gianluigi Colalucci

Nato nel 1929 a Roma, Gianluigi Colalucci si è avvicinato al mondo del restauro sin da piccolo. Conclusi gli studi presso l’Istituto Centrale per il restauro, ha iniziato la sua carriera nel laboratorio della Galleria Nazionale di Sicilia.

Una prima esperienza che gli ha permesso di prendere contatto con questo settore. La svolta della sua carriera è arrivata nel 1980 con la nomina a capo del restauro della Cappella Sistina. Un lavoro durato per 14 anni che ha permesso ad uno dei monumenti simbolo italiani a mantenere la sua bellezza. Nella sua lunga esperienza professionale Colalucci si è occupato anche di restauro di opere d’arte di artisti come Raffaello, Giotto e Leonardo.

Ambulanza
Db Milano 07/10/2009 – Ospedale Niguarda / foto Daniele Buffa/Image nella foto: ospedale Niguarda ambulanza

Gianluigi Colalucci morto

La notizia della morte del restauratore è stata data dai Musei Vaticani nella mattinata di lunedì 29 marzo 2021, poche ore dopo il decesso. Massimo riserbo da parte dei familiari sulle cause del decesso.

Una scomparsa che lascia un vuoto incolmabile nel mondo del restauro italiano. Al termine della pandemia potrebbe essere organizzato un evento per ricordare il grande artista italiano che si è occupato del restauro della Cappella Sistina dal 1980 al 1994.


Anm: “Il Governo non considera il servizio giustizia essenziale”

‘Ndrangheta, Francesco Pelle arrestato in Portogallo