Dopo le dimissioni di Shinzo Abe il Giappone è alle prese con la ricerca di un nuovo premier: favorito Yoshihide Suga, attuale capo di Gabinetto.

TOKYO – In Giappone è iniziata la discussione per individuare il successore di Shinzo Abe alla carica di premier del Paese nipponico.

Il nuovo premier del Giappone

La campagna per diventare il presidente del partito a capo della coalizione di governo si aprirà l’8 settembre, e il nuovo leader sarà eletto in una seduta plenaria con i membri Ldp di entrambe le camere della Dieta giapponese con un voto in calendario il 14 settembre. Successivamente, in una sessione straordinaria, il voto finale dei parlamentari decreterà il nuovo capo dell’esecutivo.

Il favorito è Yoshihide Suga

La stampa del Giappone, secondo i sondaggi, conferma il vantaggio dell’attuale capo di Gabinetto, Yoshihide Suga, con circa il 70% dei voti parlamentari. Il 71enne Suga, fedele sostenitore del premier uscente a partire dal suo secondo mandato, nel 2012, è appoggiato da una delle più potenti fazioni all’interno del partito perché in grado di garantire la continuità delle riforme di Abe. Gli altri due candidati, entrambi 63enni, sono l’ex ministro degli Esteri e attuale capo della commissione di vigilanza del partito conservatore, Fumio Kishida, e l’ex ministro della Difesa, Shigeru Ishiba.

https://www.youtube.com/watch?v=7Iruy41Ql0A

Le dimissioni di Shinzo Abe

Lo scorso 28 agosto Shinzo Abe aveva annunciato in televisione le proprie dimissioni per motivi di salute: “Il mio attuale stato di salute, a seguito dei recenti controlli, non mi consente di concentrarmi sulle questioni più importanti che riguardano il governo, ed è il motivo per cui intendo farmi da parte“. Il premier giapponese aveva da poco raggiunto il record di capo del Governo più longevo nella storia del Sol Levante.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Taglio dei parlamentari, Berlusconi in dubbio. Prende forma il fronte del ‘No’, quello del ‘Sì’ teme il ribaltone

Coronavirus, Meloni: “Vogliamo la pubblicazione di tutti i verbali del Cts”