Giappone, terremoto di magnitudo 6,5: diramata allerta tsunami

Terremoto in Giappone, ventuno feriti

Scossa di terremoto in Giappone, sisma di magnitudo 6,5. Diramata l’allerta tsunami, si teme la possibile formazione di un’onda anomala.

Paura in Giappone per un terremoto di magnitudo 6.5 che ha colpito la prefettura di Yamagata. Le autorità hanno diramato l’allerta tsunami.

Le prime informazioni parlavano di una magnitudo 6,8, valutazione che sarebbe stata poi rivista a 6,4.

L’ultima informazione diramata dall’INGV ha fissato la magnitudo a 6,5 per quella che dovrebbe essere la stima definitiva.

Di seguito il tweet dell’Ingv sul terremoto in Giappone.

Giappone, scossa di magnitudo 6.5

Il sisma è stato registrato intorno alle 15.22. L’epicentro è stato fissato nella zona della provincia di Yamagata, nei pressi di Shonai, città che sorge sulla costa.

La scossa si è originata in mare ad appena trentacinque chilometri di profondità, motivo per cui le vibrazioni sono state avvertite a distanza di tanti chilometri dall’epicentro.

Di seguito un tweet con il video della violenta scossa che ha colpito il Giappone

Tsunami in Giappone

Dopo la scossa le autorità hanno provveduto con l’evacuazione della zona costiera. Stando a quanto riferito da Open, una prima onda anomala ha colpito la prefettura di Niigata Kaminakazuetsu e una seconda dovrebbe abbattersi a Noto.

La prima onda anomala ha raggiunto un’altezza solo modesta non superando il metro.

Terremoto in Giappone, il bilancio

Stando alle prime informazioni che arrivano dai media giapponesi, non si registrerebbero danni a cose o persone anche se la scossa è stata avvertita distintamente dalla popolazione.

In seguito a un primo aggiornamento, il bilancio è salito a ventuno persone rimaste ferite a causa della scossa

Terremoto
fonte foto https://twitter.com/Agenzia_Ansa

Diramata l’allerta tsunami, autorità al lavoro per monitorare la situazione in tempo reale

In seguito all’allerta tsunami le autorità hanno iniziato i preparativi preliminari dei piani per la messa in sicurezza delle zone interessate dall’allarme.

I tecnici controllano costantemente i dati dei sismografi per raccogliere informazioni e segnalare eventuali anomalie nella zona interessata dal sisma.

ultimo aggiornamento: 19-06-2019

X