Gino Cecchettin: "Turetta? Volevo vendicarmi"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Gino Cecchettin: “Turetta? Volevo vendicarmi”

Giulia Cecchettin murales

Il padre di Giulia Cecchettin, Gino, ha raccontato il suo iniziale desiderio di vendetta nei confronti del killer della figlia, Filippo Turetta.

La morte di un figlio è qualcosa che ti cambia la vita. Lo sa bene Gino Cecchettin, padre della povera Giulia, uccisa dall’ex fidanzato, Filippo Turetta. Il caso della ragazza è ben noto in Italia e il genitore della vittima è tornato a parlarne dialogando con Viola Giannoli nel cortile d’Onore del Palazzo Reale a ‘Repubblica delle Idee’.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Giulia Cecchettin murales
Giulia Cecchettin murales

Gino Cecchettin, il desiderio di vendetta su Turetta

Con grande onestà e sincerità, come riportato da diversi media italiani, il signor Gino ha ammesso che dopo la morte della figlia abbia provato forti sentimenti di vendetta verso l’ex fidanzato e killer, Filippo Turetta.

Cecchettin ha spiegato: “Dopo il fatto avevo voglia di vendetta, ma poi mi sono concentrato su di lei che era amore ed è scomparso tutto il resto. Quando sentimenti di rabbia e vendetta iniziano a palesarsi mi concentro su di lei e ogni sentimento di odio svanisce. Per questo non ho voluto nominare Filippo. Nel libro volevo lasciare solo il bello. E non faccio ‘il firma copia’, scusatemi, perché per me è un memoriale”.

La sofferenza ogni mattina

Il papà di Giulia non ha negato di sentirsi molto fragile in certi momenti della giornata, soprattutto al mattino: “Mi sveglio tutte le mattine e passo davanti alla camera di Giulia. Soffro tantissimo, ma poi divento più forte e quando esco da quella stanza sono in grado di salire su un palco come questo e sono in grado di parlare, di contattare le Università per la Fondazione e sono in grado anche di andare a mangiare una pizza e di essere felice”.

Nei pensieri del signor Gino, anche gli altri figli: “Ho altri due figli e ho il dovere di essere forte. Voglio ricordare la mia Giulia e questo mi permetterà di essere potente e nessuno mi potrà dire di come vivere il mio dolore. Ognuno deve capire come vivere il suo”, ha commentato l’uomo come riportato da Leggo citando Repubblica.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 22 Aprile 2024 13:24

Rivoluzione nella lotta al tumore: l’aspirina potrebbe fermare il cancro al Colon

nl pixel