I primi giochi targati Netflix sono arrivati in Italia. L’azienda ha pubblicato nello store mobile ben 5 prodotti.

ROMA – I primi giochi targati Netflix sono arrivati in Italia. Come riportato da tomshw.it, l’azienda ha deciso di portare in Italia anche i primi cinque prodotti dopo un test fatto in Polonia. Una scommessa sicuramente importante per cercare di aumentare i propri introiti e mettersi alle spalle il periodo complicato della pandemia.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

I cinque giochi messi a disposizione da Netflix

Sono cinque i giochi messi a disposizione dei propri utenti da parte di Netflix. L’azienda ha deciso di far scaricare gratuitamente i prodotti a tutti gli abbonati. Si tratta di giochi sicuramente molto apprezzati in tutto il nostro Paese come Stranger Things: 1984, Strangers Things 3: The Game, Card Blast, Teeter Up e Shooting Hoops.

Gli utenti potranno scaricare i prodotti accedendo semplicemente nella nuova categoria giochi disponibile nella home. Una volta che viene selezionato il gioco interessato, si procederà con lo scaricare e subito dopo si potrà iniziare a giocare.

Si tratta di una scommessa sicuramente importante anche per il futuro. Netflix è intenzionata a scommettere sul mondo del gaming e per questo motivo non si esclude la possibilità di mettere in campo altri giochi per aumentare anche i propri abbonamenti.

La nota di Netflix

Nella nota Netflix ha ricordato che “dal 28 settembre 2021, gli abbonati italiani a Netflix potranno accedere ai primi cinque giochi su dispositivi mobile Andorid. Si tratta di Stranger Things: 1984, Strangers Things 3: The Game, Card Blast, Teeter Up e Shooting Hoops. Siamo solo all’inizio e davanti a noi c’è sicuramente ancora tanto lavoro da fare, ma siamo molto contenti di mettere a disposizione dei nostri utenti questi giochi in esclusiva all’interno dell’abbonamento a Netfliz, senza inserire la pubblicità oppure acquisti in altre app“.

ultimo aggiornamento: 01-10-2021


Mercato auto, settembre in calo. Pesa la crisi dei microchip

Alitalia, la cassa integrazione fino al 2023