Molestie in diretta tv: palpa il sedere di una giornalista
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Molestie in diretta tv: palpa il sedere di una giornalista

Giornalista

Dallo studio del programma “En boca de todos” chiamano la polizia: l’uomo è stato identificato e arrestato.

Durante un collegamento per il programma televisivo “En boca de todos”, la giornalista galiziana, Isabel Balado, è stata vittima di una molestia da parte di uno sconosciuto. L’uomo, davanti le telecamere, ha toccato il sedere della donna mentre era in diretta tv.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

Giornalista

La molestia in diretta tv

Il fatto risale alla giornata di oggi, martedì 12 settembre. Come mostra il video, che ha fatto il giro del web, un ragazzo di origini rumene si è avvicinato ad Isabel Balado avvicinando la sua mano al sedere della giornalista.

L’uomo ha continuato a starle accanto chiedendole per quale canale lavorasse, mentre lei continuava il servizio televisivo. “Per quanto ancora vuoi chiedermi per quale trasmissione sto lavorando? Dovevi davvero toccarmi il sedere? Sto facendo un intervento in diretta, sto lavorando”, ha reagito la giornalista.

Poi il ragazzo risponde: “Ti ho toccato il sedere? Scusami, non volevo toccarti“. Dopo ha dato una carezza sulla testa della donna e si è allontanato.

La chiamata alla polizia

Dallo studio spagnolo, assistendo alla scena in diretta, il presentatore Nacho Abad ha chiamato subito le forze dell’ordine perché intervenissero sul posto. Poco dopo, la polizia è riuscita ad identificare l’uomo e ad arrestarlo.

“Stai facendo il tuo lavoro come hai sempre fatto e arriva un imbecille che ti tocca il sedere senza alcun diritto. Onestamente, la cosa mi fa infuriare”, ha affermato con rabbia Abad.

Le reazioni sui social

Sui canali social sono stati diversi i messaggi di supporto verso la giornalista. Innanzitutto la ministra delle Pari Opportunità, Irene Montero, ha ricordato su Twitter che toccare qualcuno senza consenso è violenza sessuale: “Ciò che fino ad ora era ‘normale’ non lo è più. “È finita” è il grido del nostro Paese per garantire il diritto alla libertà sessuale di tutte le donne. Tutto il mio appoggio a Isabela Balado. Solo “sì” significa “sì””.

La segretaria di Stato per l’uguaglianza e contro la violenza di genere, Angela Rodriguez, invece ha commentato: “L’impunità con cui agiscono gli aggressori, anche in televisione o mentre il mondo intero guarda la finale di un Mondiale con i nostri corpi a disposizione, deve finire”.

Infine, la collega di Isabel Balado, Isabel Valdés, ha detto: “Lavori, vivi, viene un uomo e ti tocca il sedere. Si concentrano su questo. ‘Non volevo toccarti il ​​sedere’, dice. Se ne va toccandole la testa con condiscendenza, come se nulla fosse successo. È così ogni giorno, molti giorni”.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 12 Settembre 2023 17:08

Tragedia del Mottarone, chiesto processo per 8 indagati

nl pixel