Giorno del ricordo delle Foibe: cortei in piazza e Forze dell’Ordine in allerta

Tensione e massima allerta a Roma e a Torino per il giorno del ricordo delle Foibe. Cortei in piazza e rischio incidenti.

ROMA – Alta tensione in Italia per il giorno del ricordo delle Foibe e le manifestazioni organizzate nelle piazze delle principali città dai movimenti di estrema destra proprio nei giorni in cui la politica sta dibattendo sul pericolo legati al possibile ritorno in auge di sentimenti estremisti. I fatti di Macerata hanno infatti costretto le istituzioni a non sottovalutare l’ondata di odio che sta attraversando il nostro paese, e i cortei in programma per la giornata odierna impongono la massima attenzione da parte delle Forze dell’Ordine per evitare disordini e scontri in strada tra gruppi di fazioni antagoniste.

Cosa sono le foibe

Ma per capire l’importanza di questa giornata ed evitare equivoci è bene fare luce sul dramma della foibe, capire cosa sono e il motivo per il quale l’Italia ha deciso di dedicare un giorno al ricordo delle vittime.

Profonde cavità naturali (lat. fovea) tipiche delle aree carsiche. Nella Venezia Giulia (ex province di Trieste, Gorizia, Pola e Fiume) le f. vennero largamente utilizzate durante la Seconda guerra mondiale e nel dopoguerra, per liberarsi dei corpi di coloro che erano caduti negli scontri tra nazifascisti e partigiani, e soprattutto per occultare le vittime delle ondate di violenza scatenate a due riprese – dapprima dopo l’8 settembre del 1943 e successivamente nella primavera del 1945 – da parte del movimento di liberazione sloveno e croato. Molto note sono la «f. dei colombi» di Vines, in Istria, dalla quale vennero recuperati, nel 1943, 84 corpi, e il pozzo di Basovizza, nei pressi di Trieste, rispetto a cui nel 1945 fonti britanniche parlarono di alcune centinaia di vittime, mentre da parte italiana vennero diffuse cifre assai superiori; le esplorazioni di tale cavità non hanno tuttavia prodotto significativi risultati“, recita la Treccani sulle foibe. Uno strumento di morte, un’altra macchia indelebile nella storia dell’umanità

Giusto dunque che l’Italia si fermi a riflettere sul dramma  delle foibe, peccato che il rischio degli scontri in piazza debba prendere le copertine dei giornali.

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 10-02-2018

Nicolò Olia

X