Blue Monday
Blue Monday

Il giorno più triste dell’anno è oggi, il “Blue Monday”

chiudi

Caricamento Player...

Cade oggi, 19 gennaio, il terzo lunedì del mese, quel terribile “blue monday”, che dicono essere il giorno più triste dell’anno

Se oggi vi sentite particolarmente giù di morale e non riuscite proprio a trovare nulla che vi regali un po’ di buonumore: potrebbe essere solo l’effetto del “Blue Monday”.

Il Blue Monday  il giorno in assoluto, più triste dell’anno. Wikipedia dedica una pagina alla curiosa definizione, nata dieci anni fa; è in diverse lingue ma non in italiano, così ci permettiamo di raccontarvi come ebbe inizio la storia del Blue Monday, il giorno più deprimente dell’anno, chiarendo fin dal principio che si tratta di un concetto pseudoscientifico e che gli scienziati veri lo considerano semplicemente una sciocchezza.

Oggi è il “Blue Monday”, il giorno più triste dell’anno lo dice la scienza. Una decina di anni fa, uno psicologo dell’università di Cardiff, Cliff Arnall, ha elaborato con precisione un’equazione che stabilisce che il terzo lunedì di gennaio è il giorno in cui ci sentiamo più tristi.

Perché? Nel calcolo, Arnall ha inserito le condizioni metereologiche sfavorevoli, i debiti accumulati per i regali di Natale, calo delle  motivazioni.

Nel Regno Unito il “Blue Monday” è una cosa molto seria, tanto che alcuni inglesi preferiscono non andare a lavoro e alcune associazioni offrono aiuti psicologici a chi sente di non farcela. La Mental Health Foundation offre consigli per superare al meglio questa data infausta: vestirsi con colori brillanti (anche in ufficio), fare esercizio fisico, mangiar bene (senza dimenticarsi della cioccolata, un potente antidepressivo naturale), essere socievoli, ascoltare musica allegra.

Ma per ogni “Blue Monday”, c’è anche un “Happiest Day”, ossia il giorno più felice dell’anno, che cade fra il 21 e il 24 giugno. Anche questo è un pensiero positivo, no?

Insomma, se questa giornata vi sembra partita male e vi sentite giù di morale, non vi preoccupate, una spiegazione c’è, ma domani è un altro giorno!