Autostrade, Giovanni Castellucci lascia la guida di Atlantia

Ponte Morandi, Castellucci lascia la guida di Atlantia. Con una liquidazione da 13 milioni

Ponte Morandi, Giovanni Castellucci lascia la guida di Atlantia. Segnali di pace con il nuovo governo Lega-Movimento Cinque Stelle?

Autostrade, Giovanni Castellucci lascia la guida di Atlantia, la società diventata tristemente famosa in occasione del crollo del Ponte Morandi e delle inchieste annesse alla tragedia di Genova.

Giovanni Castellucci lascia la guida di Atlantia

Al termine del Consiglio di Amministrazione sono state ufficializzate le dimissioni di Giovanni Castellucci che lascia quindi la guida di Atlantia.

Il passo indietro di Castellucci era stato chiesto in maniera abbastanza esplicita dai Benetton, che avevano chiesto una forte discontinuità per cancellare il passato recente, quello della tragedia del Ponte Morandi e dei falsi report sulle infrastrutture di Aspi, Autostrade Per l’Italia.

La liquidazione di Castellucci

Oltre a quanto previsto dal trattamento di fine rapporto, Castellucci si assicura una buona uscita sotto forma di liquidazione da 13.095.675 euro, una cifra che ovviamente ha scatenato le polemiche dell’opinione pubblica.

Atlantia
fonte foto https://www.facebook.com/autostradeperlitalia/

Le deleghe di Castellucci a consiglieri di Edizione

I poteri di Castellucci saranno redistribuiti tra diversi manager che fanno capo a Edizione, società che fa capo sempre alla famiglia Benetton.

È una settimana che siamo sotto choc per quello che appare dai comunicati della giustizia”, aveva fatto sapere Luciano Benetton prima che venissero ufficializzate le dimissioni di Castellucci.

Resta ora da capire quanto possa durare la fase di transizione, che sembra possa andare avanti addirittura per mesi senza una soluzione.

I Benetton cercano una tregua con il governo?

In molti hanno visto nella mossa dettata e fortemente voluta dai Benetton un tentativo di distendere i toni con il governo giallorosso. Luigi Di Maio continua a invocare la revoca delle concessioni, e la speranza dei Benetton sarebbe quella di dimostrare al Pd e al Movimento 5 Stelle la volontà di rimediare agli errori commessi dai vertici delle proprie società.

Oggettivamente la strada sembra in salita e difficilmente il sacrificio di Giovanni Castellucci potrà bastare a Di Maio per accantonare una battaglia diventata iconica.

ultimo aggiornamento: 18-09-2019

X