Giovanni Lodetti, corsa e fatica al servizio della maglia rossonera

Nel giorno del suo compleanno ripercorriamo la carriera di Giovanni Lodetti con la maglia del Milan.

chiudi

Caricamento Player...

MILANO – Polmoni, cervello e fatica al servizio del Milan. Queste sono le caratteristiche di Giovanni Lodetti cresciuto nelle giovanili rossonere. Con questa maglia ha trascorso ben 9 stagioni con oltre 200 presenze e 16 reti dal 1961 al 1970. Il mediano lombardo nasce il 10 agosto 1942 a Caselle Lurani, comune della cinta di Milano ma oggi in provincia di Lodi. Dopo aver giocato con la sua squadra del cuore l’esperienza di Lodetti è continuata con le maglie di Sampdoria, Foggia e Novara. Da segnalare che la sua classe l’ha messa a servizio anche con la Nazionale, con la quale ha vinto l’Europeo del 1968.

Giovanni Lodetti, il “gregario” di Rivera. Con il Milan l’apice della sua carriera

Una vita da mediano per Giovanni Lodetti che nella sua carriera al Milan ha svolto un lavoro da “gregario” al campionissimo Gianni Rivera nella squadra stellare. In ben sei anni i rossoneri hanno conquistato due Coppe dei Campioni, una Coppa delle Coppa e una Coppa Intercontinentale. Con il Milan ha conquistato anche due scudetti e una Coppa Italia. Una carriera fatta di corsa e fatica per cercare di dare una mano alla stella Gianni Rivera che sicuramente grazie al suo apporto è riuscito a rendere di più sia in Serie A che in Nazionale.

La storia con il Milan non si è conclusa nei migliori dei modi

Una carriera con il Milan ricca di successi che alla fine non è terminata nel migliore dei modi. Attraverso una telefonata gli fu comunicata la cessione alla Sampdoria. La decisione è stata presa da Nereo Rocco che non faceva rientrare più il giocatore nel progetto tecnico. Lodetti ha portato per un po’ di anni un certo risentimento nei confronti del proprio allenatore perché non ebbe il coraggio di informarlo, di prepararlo all’evento.