Giro d’Italia 2019, dubbi sul passaggio a Roma. La tappa tra Orbetello e Frascati dovrebbe attraversare la periferia della Capitale ma ci sono problemi tecnici.

Nuovi problemi per Roma, questa volta legati allo sport. Anzi, a uno degli eventi sportivi più attesi dell’anno. il Giro d’Italia.

Dopo polemica nata lo scorso anno per le troppe buche nel cuore di Roma, quest’anno è stata accantonata l’idea di concedere un posto d’onore alla Capitale che pure farebbe parte del tracciato scelto dagli organizzatori.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Giro d’Italia 2019: il passaggio per la periferia di Roma nella tappa tra Orbetello e Frascati

Roma compare nelle tappe del Giro del 2019 come passaggio nella tratta che porterà i ciclisti da Orbetello a Frascati. nel tragitto i girini dovrebbero passare per alcune vie di Roma. Il problema è che il Comune ancora non ha concesso le autorizzazioni necessarie. Il tutto a meno di due settimane dalla partenza.

Trofeo Giro d'Italia
fonte foto comunicato stampa

Problemi tecnici legati al passaggio per Roma

Stando a quanto riferito dai media sarebbero emersi diversi problemi tecnici che potrebbero comportare una modifica del tragitto. Il Capidoglio, specificando che non si tratta di una ripicca per i problemi legati allo scorso anno, avrebbe fatto sapere che ci sarebbero problemi tecnici.

La possibile alternativa e la deviazione di percorso

L’alternativa al vaglio è quella di far passare i ciclisti per la litoranea attraversando Santa Marinella, Castel Fusano, Torvaianica, Pomezia e quindi Frascati.

Ne prossimi giorni gli organizzatori della manifestazione e le autorità capitoline renderanno nota la decisione sul tragitto da percorrere.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 01-05-2019


Ciclismo, Fuglsang vince la Liegi-Bastogne-Liegi. Formolo sul podio

Atletica, il TAS respinge il ricorso di Semenya: Sono questa, ho finito