Fondi russi alla Lega, Conte in Senato anticipa una possibile crisi di governo. Salvini teme un’alleanza Pd-Movimento Cinque Stelle.

Il premier Giuseppe Conte si prepara alla crisi di governo. Questo è quello che emerge dal suo intervento in Senato, dove avrebbe dovuto parlare del caso dei fondi russi alla Lega. Lo ha fatto ma in maniera marginale, riportando quello che è noto a Palazzo Chigi. Ben poco.

Il premier in Senato sul caso dei fondi russi alla Lega

In effetti per quanto riguarda il caso Moscopoli sono due i fattori rilevanti che emergono dal discorso travagliato di Conte in Senato. Il primo, Savoini era a Mosca con Salvini e il leader della Lega non ha collaborato con Palazzo Chigi, nel senso che non ha risposto alle domande avanzate dall’ufficio del premier Conte.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Senato M5s
fonte foto https://twitter.com/antoniomisiani

Giuseppe Conte si prepara alla crisi di governo

Il secondo fattore di rilievo è che il capo del governo ha paventato una crisi di governo facendo sapere di essere pronto a tornare in Aula alla fine del suo mandato.

E il passaggio non è passato inosservato alla Lega, al Movimento Cinque Stelle, al Partito democratico e al resto delle forze politiche, Al governo c’è aria di crisi. E la sensazione è che il premier Conte, di fronte ai tanti ostacoli sulla strada del suo esecutivo, abbia già avuto un confronto abbastanza chiaro con il Presidente Mattarella.

Giuseppe Conte Matteo Salvini Luigi Di Maio
Roma 05/06/2018 – Senato della Repubblica voto di fiducia al nuovo Governo / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Giuseppe Conte-Luigi Di Maio-Matteo Salvini

I timori di Salvini: si cerca un’intesa Pd-M5S?

Il timore di Salvini, confermato dal suo intervento serale, nel quale ha fatto sapere di non apprezzare i giochetti di potere, è che Giuseppe Conte abbia già iniziato a monitorare il panorama alla ricerca di una nuova maggioranza di governo per evitare di andare alle elezioni paralizzando nuovamente la situazione economica del Paese.

Ma quali possono essere le alternative al governo giallo-verde? Se dovesse rimanere al governo il partito di Salvini, la maggioranza potrebbe arrivare dalla Meloni e non dovrebbe rendersi necessario il contributo di Berlusconi. Se alla guida del Paese dovessero rimanere i pentastellati l’unica soluzione sarebbe il Partito democratico. E le tanti voci emerse nelle ultime settimane forse non sono solo un caso…

ultimo aggiornamento: 25-07-2019


Mattarella assicura: “Nato e UE leve solide per l’Italia”

Salvini avvisa M5s e Conte: “No a giochetti di potere”. Renzi: “E i 49 milioni?”