Giuseppe Conte rivela quando si farà da parte dal M5S
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Giuseppe Conte rivela quando si farà da parte dal M5S

Giuseppe Conte

Giuseppe Conte si dichiara pronto a dimettersi se ritenuto un ostacolo per il M5S e lancia un’assemblea costituente.

Il leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, ha recentemente affrontato una delle fasi più critiche della sua leadership. Dopo i risultati deludenti delle elezioni europee, Conte ha avviato una riflessione profonda sul futuro del Movimento e sulla sua stessa posizione al suo interno. Durante un’assemblea congiunta dei parlamentari pentastellati, il presidente ha dichiarato la sua disponibilità a mettersi in discussione e persino a farsi da parte se la sua presenza dovesse essere considerata un ostacolo per il raggiungimento degli obiettivi del M5S.

Decreto Salva Casa: ecco tutte le modifiche che potrai apportare alla tua abitazione

Le elezioni europee dell’8 e 9 giugno hanno rappresentato un momento di forte riflessione per il Movimento 5 Stelle. Con un risultato deludente del 9,9% delle preferenze, il M5S ha visto ridurre significativamente il proprio consenso rispetto alle precedenti tornate elettorali. Questo esito ha spinto Conte a prendere una posizione chiara e decisa, affrontando la necessità di un’analisi critica del percorso intrapreso e delle strategie future.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Conte: disponibilità a mettersi in discussione

Durante l’assemblea congiunta dei parlamentari pentastellati, Giuseppe Conte ha ribadito il suo impegno verso il Movimento, ma anche la sua disponibilità a mettere in discussione la sua stessa leadership. “Sono pronto a farmi da parte se la comunità ritiene che la mia guida possa oggi rivelarsi un ostacolo“, ha dichiarato Conte, sottolineando la sua volontà di anteporre il bene del Movimento agli interessi personali. Questo gesto di umiltà e responsabilità è stato accolto con attenzione dai membri del M5S, molti dei quali hanno espresso sostegno e apprezzamento per la trasparenza del presidente.

Oltre alla disponibilità a dimettersi, Conte ha lanciato la proposta di un’assemblea costituente, coinvolgendo tutti gli iscritti del Movimento 5 Stelle. “Credo sia venuto il momento di costruire una grande assemblea collettiva, un’assemblea costituente“, ha affermato Conte, indicando la necessità di rivedere e migliorare le regole interne del M5S. Questo processo di revisione, secondo il leader pentastellato, dovrebbe avvenire con la partecipazione attiva di tutti gli iscritti, sia in presenza che da remoto, per garantire la massima inclusività e trasparenza.

Un laboratorio politico in evoluzione

Giuseppe Conte ha insistito sul fatto che il Movimento 5 Stelle deve rimanere un “laboratorio politico” in costante evoluzione. “Non potremo mai adattarci a essere un partito tradizionale“, ha detto Conte, sottolineando che una struttura rigida potrebbe soffocare l’innovazione e la visione propulsiva che caratterizzano il M5S. La proposta di un’assemblea costituente si inserisce in questo contesto di continua sperimentazione e adattamento, con l’obiettivo di rendere il Movimento più efficiente e meglio organizzato senza perdere la propria identità unica.

Conte ha anche parlato della necessità di migliorare le regole organizzative e la struttura territoriale del M5S. Ha evidenziato che il Movimento ha bisogno di regole più efficienti e di una struttura che sia continuamente monitorata e migliorata. Tuttavia, ha avvertito contro l’adeguamento a modelli di partiti tradizionali, che potrebbero limitare la capacità del Movimento di agire controcorrente e di rispondere in modo innovativo alle sfide politiche e sociali.

L’invito di Conte al Movimento 5 Stelle è chiaro: non adeguarsi ai modelli tradizionali e continuare a percorrere una strada propria, fatta di sperimentazione e coraggio. “Non dobbiamo adeguarci, dobbiamo continuare ad andare contro corrente“, ha ribadito Conte, esortando i membri del M5S a mantenere viva la vocazione originale del Movimento, basata su principi di partecipazione, trasparenza e rinnovamento continuo.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 12 Giugno 2024 9:29

Elezioni in Francia, l’avviso di Macron: “Non mi dimetterò”

nl pixel