Gli ex di Milan-Juventus: da Christian Abbiati a Cristian Zenoni

Andiamo a scoprire tutti gli ex di Milan-Juventus che in passato hanno vestito entrambe le maglie.

chiudi

Caricamento Player...

MILANO – Leonardo Bonucci è solo l’ultimo dei giocatori che hanno indossato le maglie di Milan e Juventus. In questo articolo andiamo a scoprire alcuni dei nomi che in passato hanno giocato con entrambe le squadre lasciando il segno.

Dalla A alla Z: ecco tutti gli ex di Milan-Juventus

Sono tanti gli ex di MilanJuventus. Iniziano da Christian Abbiati che ha trascorso la sua maggior parte della carriera in rossonero ma nella stagione 2005/2006 si è trasferito in bianconero come “risarcimento” dopo l’infortunio di Gigi Buffon al Trofeo Berlusconi. Come portiere tra i giocatori che hanno trascorso la loro carriera con entrambe le squadre troviamo Marco Storari, attualmente alla corte di Vincenzo Montella. Con la Juventus l’estremo difensore ha fatto per quattro anni da vice Buffon.

Marco Storari Milan

In difesa naturalmente non possiamo scordarci di Gianluca Zambrotta “esploso” nella Juventus nel 1999 mentre nel 2008 si è trasferito al Milan dopo l’esperienza al Barcellona. Non possiamo dimenticare Nicola Legrottaglie che ha trascorso la maggior parte della carriera in bianconero anche se in rossonero ha conquistato lo scudetto nel 2011. Tra gli altri ci sono anche Pietro Vierchowod, e Cristian Zenoni.

Passando nel ruolo di centrocampista non possiamo scordarci di Andrea Pirlo, Patrick Viera ed Edgar Davids che i tifosi di entrambe le squadre si ricorderanno senza dimenticare Emerson e Alberto Aquilani, con quest’ultimo che ha fatto fatica a lasciare il segno con tutte e due le squadre.

I maggiori ex si trovano in attacco: i più importanti sono sicuramente Filippo Inzaghi e Zlatan Ibrahimovic senza dimenticare naturalmente Roberto Baggio e Paolo Rossi. Alessandro Matri e Marco Borriello sono quelli più recenti ma in passato ci sono stati anche altri calciatori che hanno vestito entrambe le maglie come Pietro Paolo Virdis, Aldo Serena e José Altafini.