Clima, gli Stati Uniti confermano che rimarranno fuori dagli Accordi di Parigi

Dopo le indiscrezioni giornalistiche circa un possibile cambiamento di posizione sulla questione clima, gli Stati Uniti smentiscono e confermano che non accetteranno gli Accordi di Parigi.

STATI UNITI – L’indiscrezione divulgata dal Wall Street Journal circa un cambiamento di posizione da parte degli Usa sulla questione clima si basa sulle affermazioni del commissario europeo per il clima e per l’energia: “I rappresentanti del governo americano hanno dichiarato di non voler più rinegoziare l’accordo. Ma hanno intenzione di rivedere i termini del loro impegno“, ha detto Miguel Arias Canete a margine della riunione tenutasi a Montreal, in Canada, tra i ministri dell’ambiente.

La controreplica della Casa Bianca

Non ci sono stati cambiamenti nella posizione degli Stati Uniti sugli accordi di Parigi“, ha dichiarato Lindsay Walters dalla Casa Bianca. “Come il Presidente ha chiarito già abbondantemente gli Stati Uniti si ritireranno. A meno che – ha concluso la segretaria – non riusciranno a rientrare con termini più favorevoli al Paese“. Trump, infatti, potrebbe rientrare negli accordi internazionali solo se venisse accettato un aumento dei tetti alle emissioni di CO2.

Cosa prevede il COP 21

La Conferenza di Parigi sui cambiamenti del clima si è tenuta a Parigi tra novembre e dicembre 2015. L’obbiettivo è quello di ridurre le emissioni di gas serra e di mantenere la temperatura media annua del Pianeta entro i 2° Celsius in più rispetto ai livelli pre-industriali.

ultimo aggiornamento: 17-09-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X