Gli Stati Uniti vogliono mettere in atto una politica di limitazione sui prezzi del petrolio proveniente dalla Russia.

L’Occidente sta provando a mettere in atto una politica di contenimento dei prezzi. Il provvedimento nasce alla luce degli esorbitanti aumenti in bolletta e sul prezzo del carburante, nonché sugli alimenti. Gli Usa stanno cercando di imporre un divieto sul trasporto di petrolio russo via mare. Il provvedimento dovrebbe diventare effettivo verso gli inizi di dicembre, il 5. Fino all’inizio di febbraio del 2023, gli Usa imporranno il divieto al trasporto del petrolio russo.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le dichiarazioni del Dipartimento del Tesoro Usa

Il Tesoro Usa ha affermato: “Come parte di una coalizione di paesi tra cui il G7 e l’UE, gli Usa attueranno una politica per quanto riguarda un’ampia gamma di servizi relativi al trasporto marittimo (la ‘politica dei servizi marittimi’) di petrolio greggio di origine della Federazione Russa e prodotti petroliferi (“petrolio russo marittimo”).

sestrazione petrolio

E continua: Questo divieto entrerà in vigore il 5 dicembre 2022 per quanto riguarda il trasporto marittimo di combustibile greggio. E il 5 febbraio 2023 per quanto riguarda il trasporto marittimo di prodotti petroliferi”. Il Dipartimento del Tesoro Usa ha spiegato che il provvedimento sarà un “divieto di servizi” per il trasporto marittimo di petrolio russo.

E avrà “un’importante eccezione. Le giurisdizioni o gli attori che acquistano petrolio russo marittimo a un prezzo massimo stabilito dalla coalizione (l'”eccezione sui prezzi”) potranno espressamente ricevere tali servizi”. Lo ha spiegato il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

E aggiunge: “Questa politica intende stabilire espressamente un quadro per l’esportazione del combustibile russo via mare a un prezzo limitato e raggiungere tre obiettivi: mantenere un approvvigionamento affidabile di petrolio russo marittimo al mercato globale; ridurre la pressione al rialzo prezzi dell’energia; e ridurre le entrate che la Federazione Russa guadagna dal combustibile dopo che la sua stessa guerra d’elezione in Ucraina ha gonfiato i prezzi globali dell’energia.”

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 10-09-2022


Energia, l’Ue si prepara a un nuovo vertice a settembre

Caro Bollette: altra stangata spaventosa per gli italiani, costeranno…