Google brevetta un camion autonomo per le consegne

La marcia di Google nel mondo dei veicoli non si ferma. Qualche giorno fa ha depositato il brevetto per un camion autonomo per la consegna di prodotti.

chiudi

Caricamento Player...

Google sta preparando qualche mossa nel mondo delle consegne a domicilio? Non sarebbe la prima volta che l’azienda di Mountain View stupisce tutti con una mossa a sorpresa, e il brevetto depositato pochi giorni fa lascerebbe poco spazio a interpretazioni. Non solo, trattandosi di un camion autonomo, rappresenta una novità nel mondo dei veicoli a guida automatica, ma soprattutto si tratta di un mezzo pensato per la consegna di prodotti a domicilio.

Il camion autonomo di Google nel brevetto depositato: una prima versione a scomparti
Il camion autonomo di Google nel brevetto depositato: una prima versione a scomparti

Il brevetto ufficiale parla di una piattaforma autonoma per le spedizioni e al momento rappresenta una delle sfide più dirette, e plausibili, al sistema di consegna di Amazon basato sui droni. Le auto a guida autonoma, di fatto, sono una realtà, in particolare quelle di Google, che hanno già accumulato una quantità impressionante di collaudi. L’idea di un camion che funziona in base allo stesso principio non sembra poi così remota.

Il camion autonomo di Google con il prelievo automatico

Il brevetto proposto da Google ha anche un sistema, semplice e geniale, per risolvere il problema del ritiro della merce. Nell’illustrazione depositata insieme al brevetto infatti il camion dispone di una serie di scomparti chiusi, che si possono aprire utilizzando un codice, la carta di credito o un sistema NFC come quello che si trova già in molti smartphone. In pratica, il camion potrebbe arrivare fino al vialetto di casa, e a quel punto basterebbe trovare lo scompartimento giusto, inserire il codice fornito insieme alla ricevuta, oppure strisciare la carta o il telefono, per ritirare la merce in tutta tranquillità.

Il camion autonomo di Google nel brevetto depositato: seconda versione a cabina unica
Il camion autonomo di Google nel brevetto depositato: seconda versione a cabina unica

Il sistema sembra essere vincente, soprattutto sul piano burocratico. La regolamentazione dei droni infatti riguarda il traffico aereo, le cui regole sono, per ovvie ragioni di sicurezza, decisamente stringenti, mentre di fatto, per quanto riguarda i camion autonomi, Google dovrebbe “solo” progettarli per rispettare il codice della strada.

Fonte foto copertina: United States Patent and Trademark Office