Google il marchio più influente. Lo studio annuale dell’Ipsos ha confermato il podio del 2018. Ingresso nella top ten per Mulino Bianco.

ROMA – Google il marchio più influente in Italia. A dirlo è uno studio dell’Ipsos che ha intervistato 4500 nostri connazionali per scoprire quale sia il brand capace di influenzare maggiormente le nostre vite. E in testa a questa speciale classifica, come già successo nel 2018, c’è l’azienda di Mountain View.

Podio invariato rispetto alla scorsa stagione. Alle spalle di Google troviamo altri due marchi che continuano a spopolare nel nostro Paese come Amazon e Whatsapp. Perde, invece, Facebook. Il social network nel 2018 si era piazzato in quinta posizione ma è sceso in ottava. Molto probabilmente questo calo è dovuto allo scandalo di Cambridge Analytica.

Google il marchio più influente, Mulino Bianco nella top ten

Ai piedi del podio la PayPal con Microsoft, YouTube e Samsung che precedono Facebook. Da segnalare l’ingresso nella top ten di Mulino Bianco. L’azienda lo scorso anno era solo al diciottesimo posto e in dodici mesi è riuscita a scalare la classifica fino alla nona posizione. Grandissima soddisfazione per la società italiana visto che è la prima del settore food. Bene anche Visa mentre Ikea esce dalle prime dieci.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Google
fonte foto https://www.facebook.com/GoogleIT/

Instagram tra le più amate dai giovani

La classifica Ipsos ha dato uno sguardo anche ai brand che condizionano la vita dei giovani italiani (15-21 anni). Per quanto riguarda i prodotti italiani la Nutella balza al sesto posto, al nono per i Millenial e al decimo per le persone tra i 53 e 71 anni.

La suddivisione delle età è stata fatta anche per Instagram che compare in quarta posizione tra i 15 e i 21 anni e in nessun’altra classifica. Bene anche Netflix con la piattaforma streaming che è al decimo posto per la Gen Z (15-21) e al sesto per i Millenial (22-35).

fonte foto copertina https://www.facebook.com/GoogleIT/

ultimo aggiornamento: 03-10-2019


La promessa di Conte, “Evitiamo la patrimoniale”

Manovra, convocati i sindacati a Palazzo Chigi