Google vuole rimpiazzare gli SMS con qualcosa di migliore

Si chiama RCS ed è una piattaforma promossa da Google per rimpiazzare gli SMS con qualcosa di completamente nuovo e rivoluzionario.

chiudi

Caricamento Player...

Volendo rimpiazzare gli SMS, oggi ci sono decine di soluzioni fra i diversi programmi di messaggistica. Il buon vecchio Short Messages System insomma ha fatto il suo tempo. Il motivo, è più o meno sotto gli occhi di tutti: sistemi come WhatsApp o Telegram offrono più funzioni, mentre altri come Signal garantiscono un livello di sicurezza impensabile per le piattaforme tradizionali. Questo naturalmente al netto della possibilità, che tutti questi sistemi offrono, di inviare foto, video, messaggi vocali e così via.

Gli SMS, e i loro fratelli maggiori MMS, insomma, sembrano essere stati soverchiati dalle nuove tecnologie. Tuttavia Google, che spesso ha fatto del pensare fuori dagli schemi la sua carta vincente, sembra intenzionata a riportare in auge questo vecchio sistema e rimpiazzare gli SMS con un sistema chiamato Rich Communication Services. Attraverso una nuova piattaforma dedicata chiamata Jibe il colosso americano ha chiamato a raccolta circa 800 operatori GSMA per creare un consorzio.

Rimpiazzare gli SMS per mantenerli

L’idea, pur essendo molto complessa dal punto di vista tecnico, è piuttosto semplice. Grazie a Jibe, ogni telefono Android potrebbe essere dotato di un sistema per ricevere e inviare questi “nuovi SMS” attraverso un collegamento standard e trasversale, come accade oggi con i messaggini che conosciamo tutti e che non richiedono connessione dati o roaming. La nuova piattaforma però garantirebbe tutto quello a cui i programmi di messaggistica ci hanno abituati: conversazioni di gruppo, invio di immagini ad alta risoluzione, notifiche di lettura e così via.

Per la verità il sistema RCS esiste già da qualche anno, ma fatica a imporsi come standard a causa dei numerosi attori in gioco e delle diverse soluzioni esistenti. Google spera che grazie alla sua piattaforma, e soprattutto al suo grande peso nel mondo delle telecomunicazioni e degli smartphone in generale, questo standard prenda piede, creando di fatto un’alternativa efficace ai programmi di messaggistica di terze parti.

Fonte foto copertina: micurs via Compfight cc