Google Workspace è il nuovo rebranding di Google Suite. Ci sono alcune novità estetiche e funzionali, ma la sostanza è molto simile.

Da anni Google ci aiuta ad essere più produttivi, mettendo a nostra disposizione svariati strumenti ed offrendoci servizi di alta qualità, molti dei quali accessibili a costo zero. Nel 2016 Google ha presentato Google Suite, dandoci la possibilità di sfruttare tutti gli strumenti di Google al massimo delle loro funzionalità pagando un abbonamento mensile. La società ha deciso ora di presentare Google Workspace, che di fatto è l’evoluzione di G Suite.

Fonte foto copertina: https://cloud.google.com/blog/products/workspace

Google Workspace è quindi il nuovo ambiente di lavoro proposto da Google e raccoglie i servizi per cui questa società è diventata famosa.

Cosa include Google Workspace

Con Google Workspace la società ha presentato una suite che raccoglie tutti i migliori strumenti sviluppati da Google nel corso degli anni. In questo ambiente di lavoro potremo utilizzare Gmail, Chat, Drive, Sheets, Forms, Currents, Apps Script, Meet, Calendar, Docs, Slides, Sites, Keep e Cloud Search.

Per quanto riguarda invece la sicurezza e la gestione dei progetti e dei file su Google Workspace avremo a nostra disposizione Admin, Vault, Endpoint e Work Insights.

Il nuovo ambiente di lavoro è stato progettato per semplificare la gestione dei progetti, consentendoci di accedere da un unico spazio a tutti gli strumenti di cui potremmo aver bisogno. Workspace è inoltre una suite fortemente indirizzata alla condivisione dei progetti ed al lavoro in team.

I settori professionali in costante mutamento e le nuove esigenze dei lavoratori hanno spinto gli sviluppatori di Google a rivedere G Suite e a proporre un nuovo ambiente di lavoro completamente rinnovato, con una migliore integrazione dei servizi e con uno spirito orientato alla collaborazione tra i professionisti. Ecco un video che la presenta.

Tutti i file possono essere archiviati e condivisi con il servizio cloud di Google, il che contribuisce ulteriormente a semplificare la collaborazione. Possiamo accedere ai file creati e condivisi dai nostri colleghi, apportare delle modifiche in tempo reale ed anche aggiungere nuovi file accanto a quelli già presenti.

Quanto costa la nuova suite di Google?

Google Workspace è una suite a pagamento, per accedere agli strumenti e per sfruttare le potenzialità di questo ambiente di lavoro è necessario infatti sottoscrivere un abbonamento mensile. La spesa mensile da sostenere varierà a seconda del piano che decideremo di sottoscrivere e che dovremo scegliere tenendo conto delle nostre esigenze.

Il piano Business Starter ha un costo di € 4,68 al mese ed offre una email aziendale personalizzata, 30 GB di spazio di archiviazione, riunioni video fino ad un massimo di cento utenti, controlli di sicurezza e di gestione e assistenza standard.

Il piano Business Standard differisce dal piano Starter per lo spazio di archiviazione aumentato a 2 TB e per il limite massimo di partecipanti alle riunioni portato a centocinquanta, con la possibilità di effettuare anche la registrazione delle videochiamate. Il costo in questo caso è di € 9,36 al mese.

Il piano Business Plus ha un prezzo di € 15,60 al mese, ma aggiunge delle funzionalità interessanti per i clienti business che chiedono di più. Tra queste bisogna ricordare la gestione avanzata degli endpoint ed il monitoraggio delle partecipazioni durante le riunioni video, il cui limite massimo di partecipanti è aumentato a duecentocinquanta.

Fonte foto copertina: https://cloud.google.com/blog/products/workspace

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
business Cloud google News prodotti tech

ultimo aggiornamento: 16-10-2020


Come cambiare l’account predefinito di Google

Come ricevere una notifica quando la webcam è attivata in Windows 10