Il futuro del governo Cottarelli è legato a un filo. Il premier incaricato potrebbe sciogliere le riserve rimettendo il mandato affidatogli da Mattarella.

ROMA – Carlo Cottarelli è ad un passo dal rimettere il mandato. Nell’incontro andato in scena al Quirinale questo pomeriggio (29 maggio ndr), il premier incaricato ha riferito al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, la sua intenzione di non voler lasciare l’incarico.

Questa scelta è stata dopo la scelta del Partito Democratico di non votare la fiducia al nuovo esecutivo. Con l’astensione della sinistra il destino di Carlo Cottarelli sembrava segnato.

Secondo quanto riportato da Sky TG24 il premier incaricato non ha consegnato la lista dei ministri al Capo dello Stato. La sua intenzione era quella di lasciare l’incarico immediatamente. Dopo il colloquio con Mattarella i due si sono presi una notte di riflessioni per capire quale potrebbe essere la scelta migliore.

Carlo Cottarelli
Carlo Cottarelli (fonte foto http://www.quirinale.it/elementi/Elenchi.aspx?tipo=Foto)

Carlo Cottarelli rimette il mandato: si ritorna al voto il 29 luglio?

Il no di Carlo Cottarelli apre dei nuovi scenari per quanto riguarda la formazione del nuovo governo. Secondo alcune fonti parlamentari si potrebbe tornare al voto già il prossimo 29 luglio. La richiesta dei partiti nella seduta al Senato è stata quella di andare alle elezioni il prima possibile e la prima data disponibile sembra essere proprio tra due mesi visto che dallo scioglimento delle Camere devono passare 70 giorni.

La scelta da parte del premier incaricato sembra definitiva anche se la sua decisione verrà comunicata nella domani al termine dell’incontro con Mattarella.

Di seguito il video con la diretta odierna dal Colle

fonte foto copertina http://www.quirinale.it/elementi/Continua.aspx?tipo=Foto&key=19315


Cottarelli-Mattarella, nulla di fatto al primo incontro. Resta la riserva

Luigi Di Maio: “Disponibili a collaborare con il Colle”. Si riapre l’ipotesi M5s-Lega?