Governo, Di Maio apre a Lega e Pd. Confermato il no a Forza Italia

Il candidato premier del M5s, Luigi Di Maio, ha anticipato quello che dirà durante le consultazioni al capo dello Stato Mattarella.

Un governo M5s con Lega o Pd? Possibile. Questa è, almeno, la speranza del leader pentastellato, Luigi Di Maio. Intervenuto a ‘Di martedì’, su La7, il candidato premier pentastellato ha spiegato quale sarà il succo del proprio discorso al cospetto del presidente della Repubblica Mattarella.

Confermato il ‘no’ totale del Movimento 5 stelle a Forza Italia. Per poter far partire un governo con la Lega, dunque, questi ultimi dovranno uscire dalla coalizione di centrodestra. Ma anche con il Pd ci sarebbero delle condizioni: i dem dovrebbero ‘sbarazzarsi’ di Renzi e dei renziani.

Governo M5s-Pd, i dem dicono ‘no’

La risposta del Pd è però già certa: non ci sarà governo con i Cinque stelle. Lo ha ribadito quest’oggi il capogruppo del Pd a Palazzo Madama, Andrea Marcucci, come riportato dall’Ansa: “Il Pd, coerentemente con le decisioni assunte in direzione, dirà al presidente Mattarella che non siamo disponibili ad alcun governo che abbia Di Maio o Salvini come premier. La proposta del leader Cinque stelle è ovviamente irricevibile“. Un discorso simile a quello del ‘reggente’ Martina in mattinata.

Di Maio: “Proporreo contratto di governo”

Il leader pentastellato ha quindi spiegato di voler imitare la Germania: “Faremo ciò che abbiamo detto in campagna elettorale: proporremo un contratto di governo come si fa in Germania, si fa ciò che c’è scritto, quello che non c’è scritto non si fa“. Una proposta che prende esempio da quello sottoscritto dalla Spd e dalla Cdu, vincolato a dei punti programmatici dal quali non ci si può allontanare.

Matteo Salvini (fonte foto https://www.facebook.com/salviniofficial/)

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 03-04-2018

Mauro Abbate

X