Il governo Meloni ha stanziato 9 miliardi di euro destinati ai provvedimenti pensati per arginare il caro energia.

Le prime manovre del nuovo governo di Giorgia Meloni si stanno concentrando sul problema del caro energia. Secondo il neo presidente del Consiglio “fermare la speculazione è fondamentale”. Ma la questione non può risolverla l’Italia da sola: “La partita si giocherà soprattutto a livello europeo“.  

La neo leader di estrema destra ha di nuovo affrontato la questione del caro bollette. “Stiamo conducendo anche questa battaglia. Fermare la speculazione è fondamentale” dice, ma “la partita si giocherà soprattutto a livello europeo”. In questa situazione, Giorgia Meloni viene chiamata in causa a Bruxelles. 

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Le tematiche sul tavolo sono molteplici: la revisione del Pnrr all’energia, la riforma del Patto di stabilità e la supremazia del diritto Ue su quello nazionale. Inoltre, verrà affrontata la questione dei migranti che arrivano a bordo della navi Ong. 

La Meloni ha annunciato in Consiglio dei ministri: “In due settimane abbiamo trovato 30 miliardi per calmierare e coprire il costo delle bollette”. Secondo quanto spiegato dalla premier, una parte di questo tesoretto – 9,1 miliardi di euro – servirà per finanziare il sostegno a famiglie e imprese previsti dal decreto Aiuti quater. 

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Giorgetti: “Misure confermate anche per il mese di dicembre”

Il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, in audizione sulla Nadef  davanti le commissioni Bilancio congiunte di Camera e Senato ha annunciato: “Con il decreto-legge saranno confermate, anche per il mese di dicembre 2022, le misure che riconoscono, a parziale compensazione dei maggiori oneri sostenuti, contributi straordinari, sotto forma di crediti d’imposta, pari a una quota delle spese sostenute per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale”, 

E prosegue: “Sarà prorogata fino al 31 dicembre 2022 la riduzione delle aliquote di accisa su benzina, gasolio, Gpl e gas naturale impiegati come carburanti; per quest’ultimo sarà confermata fino al 31 dicembre la riduzione dell’Iva al 5%”. 

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 10-11-2022


D’Alema: “Meloni capace, rappresenta rivincita politica”

Cdm, Dl Aiuti quater: da Superbonus a trivelle