Stati Uniti, morto il conduttore televisivo Grant Imahara. Aveva appena quarantanove anni.

Usa, morto Grant Imahara, noto presentatore televisivo statunitense. L’uomo, di appena quarantanove anni, sarebbe morto a causa di un aneurisma cerebrale. Queste almeno le prime indiscrezioni sul decesso che ha scosso il mondo dello spettacolo Usa.

Oltre che conduttore televisivo di successo, Imahara, specializzato in ingegneria, robotica ed elettronica, era anche considerato come uno dei massimi esperti di robot in America.

Usa, morto Grant Imahara, noto presentatore televisivo

La notizia della morte di Imahara è stata confermata anche dalla famiglia Discovery, della quale il conduttore faceva parte.

Le cause della morte al momento sono state anticipate solo dai media. Si parla di un aneurisma cerebrale come causa del decesso. Al momento non si hanno notizie ufficiali a riguardo.

Discovery Grant Imahara
Fonte foto: https://www.facebook.com/Discovery/

“Sono in lutto. Sono senza parole. Ho fatto parte di due grandi famiglie con Grant Imahara negli ultimi 22 anni. Grant era un ingegnere, artista e performer davvero geniale, ma anche una PERSONA così generosa, accomodante e gentile. Lavorare con Grant è stato molto divertente. Mi mancherai amico mio“, ha scritto sui social Adam Savage, altro conduttore di Mythbusters.

Discovery, “Abbiamo il cuore spezzato”

Abbiamo il cuore spezzato nel sentire questa triste notizia su Grant. Era una parte importante della nostra famiglia Discovery e un uomo davvero meraviglioso. I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno alla sua famiglia“, recita il messaggio di cordoglio pubblicato sulla pagina Facebook di MythBusters.

Il cordoglio sui social

In poche ore sulla rete si sono moltiplicati i messaggi di cordoglio per la scomparsa del conduttore televisivo, che con i suoi programmi ha appassionato migliaia di persone. In casa Discovery parlano di una grave perdita anche per lo spessore umano del conduttore, destinato a lasciare un grande vuoto nel mondo dell’intrattenimento.


Torino, uccide i genitori poi vaga per strada: arrestato dai carabinieri

“Qui un crimine contro l’umanità”, i parenti delle vittime di Bergamo scrivono alla Commissione Ue